Home Salute e Benessere

Il pisolino ideale!

CONDIVIDI

Chi non gradisce, soprattutto dopo un bel pranzo, schiacciare un pisolino sul divano di casa o sulla poltrona preferita. Ma quanto dovrebbe essere lungo un pisolino per risultare davvero perfetto?

Ecco a voi, allora, un accurato studio su tutti i pro e i contro della siesta pomeridiana a seconda della sua durata.

pisolino

 

Ad ognuno la sua pennichella!

Innanzi tutto cerchiamo di capire i quali vantaggi e quali svantaggi ci possono portare dei pisolini di diversa durata:

Da 10 a 20 minuti – secondo gli esperti questo è il pisolino ideale per dare al fisico un’iniezione di energia senza comprometterne la ripartenza al risveglio. Questa durata è normalmente associabile alla fase più leggera del sonno: non-rapid eye movement (NREM).

30 minuti – è forse il tipo di pisolino più dannoso in quanto i benefici ad esso associati ci mettono un po’ ad evidenziarsi. Di fatto provoca una sensazione di intontimento associabile ad una sbornia.

60 minuti – ovviamente anche una pennichella di questa durata porta, al risveglio, un po’ di stordimento ma, trattandosi di un sonno nel quale si entra già nella fase profonda chiamata “a onde lente”, è anche quello che più aiuta a ricordare fatti, nomi e volti.

90 minuti – non si può quasi più parlare di pisolino in questo caso poiché in 90 minuti si completa un ciclo di sonno in tutte le sue fasi, dalla più leggera alla più profonda, compresa quella in cui si sogna e comunemente nota come fase REM (rapid eye movement). Ovviamente i benefici sono quelli che deriverebbero da un sonno completo: miglioramento della memoria e della creatività emotiva e procedurale, senza contare il fatto che il risveglio risulta molto più facile in quanto si evita la cosiddetta “inerzia del sonno”.

Per quanto riguarda l’orario migliore per fare la siesta, gli studi effettuati ci dicono essere quello tra le 13 e le 16 del pomeriggio, ma chiaramente tutto dipende dall’orario in cui si è andati a dormire la sera prima. Di certo un pisolino affrontato a giornata avanzata può chiaramente compromettere il buon sonno della notte successiva.

Un pisolino di breve durata può essere effettuato ovunque: in una macchina parcheggiata, appoggiati ad una scrivania o su una poltrona. Secondo gli esperti per evitare un sonno troppo profondo è consigliabile mantenere una posizione seduta ma semi eretta.

La pennichella può inoltre aiutarvi a capire anche se il vostro normale sonno non è sufficiente al vostro fisico. Se infatti, pur riposando pochi minuti, vi capita di sognare, questo è sintomo del fatto che il vostro corpo ha necessità di un sonno profondo e che questo viene ricercato ad ogni occasione utile. Se poi soffrite di insonnia o di apnea  del sonno, il sonnellino pomeridiano non è consigliato.

I sonnellini più lunghi si fanno in giovane età (fino a circa i 20 anni), mentre successivamente ci si accontenta di riposi più brevi.