Home Attualità

Salvati due orsi alcolizzati che hanno vissuto per 20 anni in una gabbia a Sochi

CONDIVIDI

A volte ci sono delle belle notizie che vale la pena segnalare, soprattutto quando si tratta di animali, spesso vittime di maltrattamenti e sfruttamenti.

KOSOVO-ANIMALS-BEAR

La triste vicenda riguarda due orsi che per vent’anni sono stati rinchiusi in una gabbia adiacente ad un ristorante a Sochi dove lo scorso anno si sono tenute le olimpiadi invernali. I due esemplari, esposti come dei trofei, con il tempo, sono diventati alcolisti in quanto i molti clienti del ristorante si divertivano ad offrire loro dei bicchieri di birra e di altri tipi di alcol.

Ma non solo. I due orsi, denunciano gli animalisti, sono diventati anche ciechi a causa dei fanali delle automobili puntati contro di loro dai clienti per divertimento.

Grazie all’intervento di diverse associazioni animaliste come la britannica Big Hearts e la Fondazione di Brigitte Bardot, un tribunale russo ha disposto il sequestro dei due esemplari, per cui il proprietario è stato citato per maltrattamenti. Quest’ultimo aveva replicato che “la birra gli fa bene, per via del clima che c’è qui”.

I due orsi saranno traferiti e seguiti presso un centro specializzato a Brasov, in Romania, dove saranno sottoposti ad una cura di disintossicazione, a partire dal 5 marzo. Secondo gli esperti, gli orsi alcolizzati soffrono degli stessi problemi che possono avere gli esseri umani dipendenti da alcol, compresi temperamenti imprevedibili e sintomi di astinenza. Inoltre, gli esperti hanno evidenziato che gli orsi possono avere delle reazioni rispetto all’assunzione dei alcol che li portano fino alla morte.

La direttrice di Big Hearts Anna Kogan ha spiegato che il loro trasferimento nel parco di 60 ettari in cui sono ospitati altri 70 orsi, e specializzato nella rieducazione di animali maltrattati, deve tuttavia ancora avvenire perché è necessario completare l’iter burocratico richiesto dal ministero delle risorse naturali russo.

 In alcune aree della Russia vi è ancora la cultura di crescere gli orsi a casa e di rinchiuderli in delle gabbie quando diventano troppo grandi. Le associazioni denunciano che manca una legge che li tuteli in tal senso.