Home Attualità

Caritas: Oltre una persona su quattro è a rischio povertà in Italia

CONDIVIDI

Sono stati diffusi i dati del Rapporto Caritas Europa sull’impatto della crisi per cui si delinea un Vecchio continente “a due velocità”.
Mobile Food Pantry Serves The Needy In Upstate New York


In base ai dati, alla fine del 2013, il 24,5% della popolazione europea, ovvero 122,6 milioni di persone, erano a rischio esclusione sociale. Una media che sale al 31% nei sette Paesi europei più deboli tra i quali: Italia, Portogallo, Spagna, Grecia, Irlanda, Romania e Cipro.
In questi paesi, emerge dunque che una persona su tre è a rischio povertà e la media in Italia è del 28,4% ovvero oltre una persona su quattro e il valore più elevato si registra in Romania con il 40,4%.

Il rapporto ha sottolineato che dal 2012 al 2013, la povertà “assoluta” è diminuita leggermente passando dal 9,9 al 9,6% della popolazione nei 28 Stati dell’Unione Europea.
Mentre tra i paesi più deboli, la media sale al 14,9% nel 2013 con punte massime in Romania (28,5%) e in Grecia (20,3%). In Italia la “deprivazione materiale grave” colpisce il 12,4% della popolazione.
Inoltre, nei 7 Paesi europei più deboli è aumentato il numero di persone che vive in famiglie quasi totalmente prive di lavoro passando da una media del 12,3% nel 2012 al 13,5% nel 2013.

In Italia vi sono 10 milioni persone in condizioni di povertà relativa, ovvero che contano su una spesa per consumi inferiore alla soglia di riferimento: una cifra che riguarda il 16,6% della popolazione. Mentre la povertà assoluta coinvolge il 7,9% delle famiglie, per un totale di circa 6 milioni di cittadini italiani. Secondo la Caritas: “Il 23,4% delle famiglie vive in una situazione di disagio economico, per un totale di 14,6 milioni di individui”. Una percentuale che è diminuita rispetto al 2012, quando la percentuale era al 24,9%. In linea di massima, nel 2013,  circa il 12,4% dei nuclei, si trova in grave difficoltà.

“Gli effetti della crisi appaiono ancora molto forti e persistenti”, sottolinea la Caritas nel rapporto ricordando che nell’Ue a 8 Paesi, vi sono oltre 25 milioni di cittadini senza lavoro. Un numero che è aumentato di 8,4 milioni di unità rispetto al periodo pre-crisi (2008).

“Le persone più colpite sono quelle con bassi livelli di istruzione e i giovani”, spiega la Caritas, evidenziando che “aumenta la disoccupazione di lungo periodo”.  Per quanto riguarda l’Italia, vi è il primato dei Neet ovvero dei giovani che non studiano e non lavorano.

Infine, a causa dell’austerità e della crisi, sono aumentati i tagli alla sanità e alle spese scolastiche soprattutto nei 7 Paesi deboli dove il 22,8% della popolazione rinuncia a cure mediche essenziali.