Home Attualità

Tragedia in Brasile: bambina di 6 anni divorata dai piranha!

CONDIVIDI

Adrila Muniz, una bimba di 6 anni, è caduta dalla canoa sulla quale stava facendo un’escursione con i nonni nelle acque del Rio Maicuru, a Monte Alegre.

La corrente del fiume, infestato da pesci piranha, ha portato via la piccola e a nulla sono serviti i tentativi della nonna di salvarla.

 Piranha

 

La nonna ha provato a trattenerla ma la corrente era troppo forte

“Ho tentato di afferrarla ma in mezzo a tutti quei bambini mi è scappata di mano”. Queste le tremende parole pronunciate dalla nonna della piccola Adrila. La donna, in lacrime e profondamente scossa, racconta alle autorità le allucinanti dinamiche dell’incidente che le ha portato via la nipotina. La piccola si trovava in vacanza con i nonni i quali hanno deciso di portare lei ed altri bambini a fare una breve escursione in canoa sul Rio Maicuru, un fiume di norma piuttosto sicuro. Le escursioni nelle sue acque con quel tipo di imbarcazione, infatti, sono all’ordine del giorno e gli incidenti davvero rarissimi e comunque mai con epiloghi così tragici.

Purtroppo stavolta la corrente, accompagnata probabilmente da un brusco movimento di alcuni bambini, ha fatto sì che la canoa a bordo della quale si trovavano Adila e la nonna, si ribaltasse, scaraventando gli occupanti nelle acque torbide del fiume. Come appunto raccontato, la donna ha tentato di afferrare la bambina, ma la forza della corrente gliel’ha letteralmente strappata di mano, trascinandola via.

L’allarme è scattato immediatamente e tutti gli altri bambini sono stati tratti in salvo illesi. Il corpo senza vita di Adrila è stato ritrovato poco dopo più a valle, completamente martoriato dai morsi dei pesci piranha di cui il corso d’acqua è infestato. Il medico legale che ha in carico l’autopsia del cadavere valuterà se i pesci carnivori hanno attaccato la piccola mentre era ancora viva o, come ci si augura, successivamente.

Normalmente questi pesci non attaccano prede ancora vive delle dimensioni di una persona, ma si limitano ad altri pesci o, al massimo, ad uccelli che galleggiano sul pelo dell’acqua dei fiumi.