LIBRI: ‘L’angelo di Hitler’

image011Oggi, la redazione di CheDonna per la sezione Libri, vi propone L’angelo di Hitler.

Un avvincente romanzo scritto da un grande sceneggiatore cinematografico.

La storia di due giovani coinvolti in uno dei misteri del nazismo: il presunto figlio di Hitler ed Eva Braun.
Adrenalinico come un thriller, avvincente come una spy story, avventuroso come un action movie, accurato come un romanzo storico, emozionante come solo le grandi storie sanno essere.

«Ho pensato molto a lei, a chi può essere. Se Hess è il suo cosiddetto zio, chi pensi sia il padre?». «E dai, non vorrai mica dire…», sbottò Otto incredulo. «Sì, invece. È proprio quello che sto dicendo», rispose Leni. «Hitler?». Otto pronunciò quel nome con cautela. «Sì. È per questo che i tedeschi la vogliono a tutti i costi. E anche gli inglesi». Otto la guardò, pallido in volto. Per la prima volta, Leni lesse la paura nel suo volto.

Europa, 1941. In Germania Hitler è all’apice del potere . Due ragazzi, Otto e Leni, sono costretti a fuggire in Gran Bretagna: la famiglia di Otto è stata catturata dalle SS perché comunista, quella di Leni perché ebrea. Convocati dall’ammiraglio MacPherson, il braccio destro di Churchill, vengono arruolati in una missione che cambierà per sempre le loro vite: rapire Angelika, una ragazzina rinchiusa in un convento in Baviera, che custodisce un terribile segreto. Dalla sua sopravvivenza potrebbe cambiare il corso della Storia…

“Avevano ricevuto ordini molto precisi. Ora la coscienza diceva loro di metterli in discussione”.

William Osborne è nato in Inghilterra nel 1960 e ha studiato a Cambridge, avviando una brillante carriera da avvocato. Nella seconda metà degli anni Ottanta si è reinventato come sceneggiatore cinematografico, contribuendo alla realizzazione di una sessantina di film di successo, tra cui I gemelli (1988), Fermati, o mamma spara (1992), Alaska – Sfida tra i ghiacci (2001), Il re scorpione (2002). L’angelo di Hitler è il suo primo romanzo per giovani adulti.