TEATRO: “Come vi piace”

900x410Oggi, la redazione di CheDonna, per la categoria Teatro, vi informa che  dal 15 a 25 gennaio 2015 al Teatro Parioli Peppino De Filippo, andrà in scena uno spettacolo di Maurizio Panici e Ambrogio Sparagna, Come vi piace (As you like it), commedia di William Shakespeare, con musiche dal vivo (traduzione e adattamento Maurizio Panici e Alice Spisa, musiche originali dal vivo di Ambrogio Sparagna).

Un affascinante viaggio sul tema dell’identità e del doppio, con le musiche di Ambrogio Sparagna eseguite dal vivo da un gruppo che fa parte della sua Orchestra Giovanile di Musica Popolare. Dodici attori e quattro musicisti danno vita ad una rappresentazione vitale, cinica e disincantata sul tema dell’amore e dell’inganno, una serie di riflessioni sull’esercizio del potere e sulla necessità di trovare un’alternativa ad un mondo corrotto e violento, espressione di una corte crudele dominata dal malaffare. Ancora una volta Shakespeare parla di noi, delle nostre malvagità, del nostro bisogno d’amore, ancora una volta ci racconta le nostre debolezze: e lo fa con quella sapienza che ci trascina da una scena all’altra in cerca di un indizio che ci indichi la via d’uscita dalle nostre ossessioni.

Il nuovo progetto della Compagnia dei Giovani – in cui sono inseriti alcuni attori di consolidata esperienza – prevede un grande spettacolo che ha debuttato al Festival della Versiliana di Marina di Pietrasanta nell’agosto 2013: AS YOU LIKE IT, affascinante viaggio sul tema dell’identità e del doppio, con le musiche di Ambrogio Sparagna eseguite dal vivo da un gruppo che fa parte della sua Orchestra Giovanile di Musica Popolare. Dodici attori e quattro musicisti danno vita ad una rappresentazione vitale, cinica e disincantata sul tema dell’amore e dell’inganno, una serie di riflessioni sull’esercizio del potere e sulla necessità di trovare un’alternativa ad un mondo corrotto e violento, espressione di una corte crudele dominata dal malaffare.

“Il doppio che c’è in ognuno di noi, il maschile e il femminile, l’amore e la violenza, il desiderio e il possesso. Ancora una volta il più grande autore di tutti i tempi parla di noi, delle nostre malvagità, del nostro bisogno d’amore, ancora una volta ci racconta le nostre debolezze: e lo fa con quella sapienza che ci trascina da una scena all’altra in cerca di un indizio che ci indichi la via d’uscita dalle nostre ossessioni. Si tratta di  una commedia con musiche, così nasce il progetto condiviso con Ambrogio Sparagna: il nostro spettacolo vuole restituire il senso profondo della scrittura, la musica non è cornice ma è protagonista tra i protagonisti, un linguaggio che ha la forza di parlare direttamente al cuore delle persone modificando i percorsi. La musica lenisce la ferita d’amore, accompagna l’allegria e la scoperta, si fa intima con i luoghi del cuore. Un allestimento vivo e pulsante come  la vita”.

(Maurizio Panici)

Da leggere