Dicembre eccezionale: da clima tropicale a quello polare in pochi giorni

La stagione invernale a cavallo tra il 2014 e il 2015 è stata eccezionale per le temperature anomale: si è passati da un clima quasi tropicale al gelo polare in poche settimane.

freddo

E’ quanto confermano gli esperti e i dati del centro Epson Meteo, evidenziando che “il clima a dicembre è stato in gran parte sopra la media” e che le temperature sono state dell’1,5% oltre la norma del periodo a livello nazionale. Solo nel Nordovest si è registrata una percentuale del 2,4% superiore alla media stagionale, “tranne negli ultimi giorni dell’anno, quando si è verificata l’unica ondata di gelo artico dell’anno”.

Il meteo del mese di dicembre nel dettaglio

Il Nord ha registrato un caldo record così come il fenomeno piovoso è stato da giunse dei primati: un calo del 20% rispetto alla media nazionale del periodo considerato, arrivando fino ad una diminuzione del 42% delle piogge nelle regioni meridionali.

Secondo i centri meteorologici, il mese di dicembre è stato interessato da tre eventi, rispettivamente distribuiti ad inizio, metà e fine mese: all’inizio del mese di dicembre vi sono stati gli strascichi di una perturbazione denominata di TLC (Tropical Like Cyclone) che hanno causato allagamenti e frane in Liguria, Toscana, Piemonte e Sardegna, mentre il successivo ingresso dell’Anticiclone delle Azzorre ha garantito invece un periodo pre-natalizio piuttosto mite.
Infine, la fine de mese è stata colpita da due perturbazioni che hanno portato freddo polare, neve in pianura al Nord e lungo l’Appennino e poi eccezionali nevicate al Sud fino alle coste (Sicilia, Calabria e Puglia) e notevoli accumuli anche al Centro.

Gli esperti evidenziano che vi è stato un anomalo quanto eccezionale crollo termico di circa 16 gradi a livello nazionale, tra il 31 dicembre e il 1° gennaio 2015.
Un’escursione termica che rappresenta quasi l’escursione annua, ovvero la differenza fra la media del mese più caldo e quella del mese più freddo che si aggira da circa 18 C a 24.5 C di luglio ai 6.5 C di gennaio.

Tutte noi ricordiamo molto bene quel freddo polare che ha investito dopo Natale la penisola, obbligando anche i più resistente al freddo a correre ai ripari. Una fine dell’anno segnata dal gelo con l’auspicio di un anno migliore dal punto di vista meteo che, fino ad oggi, non è stata tradito, considerando lo straordinario clima che ha regnato dai primi giorni dell’anno ad oggi.
Per non parlare delle previsioni che per domani sono ancora confortanti.

Da leggere