TEST: dimmi che serie tv guardi e ti dirò chi sei

Chi più chi meno tutti ricordiamo le serie televisive storiche quali Dallas, McGyver, A-Team, I Robinson, Arnold, Supercar, Dynasty e via dicendo. Certo erano molte negli anni 80 e 90 e ci hanno fatto compagnia quando, da piccoli, nelle “fortunate” volte in cui ci capitava di rimanere a casa da scuola, eravamo soliti guardarle in tv e sicuramente hanno fatto la storia. Ma mai, come oggi, le serie tv hanno ricoperto un ruolo fondamentale sia nella programmazione di tutte le emittenti televisive (a pagamento e non), sia nella vita di tutti i giorni di tutti noi tanto da condizionare, a volte, anche le nostre scelte future su professioni a cui, magari, non avevamo pensato. Ce ne sono a decine di tutti i generi possibili ed immaginabili, tanto da aver generato una vera e propria fiumana di siti che propongono, giorno per giorno, tutti i telefilm che sono stati trasmessi il giorno precedente così da permettere ai milioni di fan di tenere sempre sott’occhio le loro serie preferite.

Di questi milioni di spettatori è possibile stilare una divisione di due macro categorie: una di età compresa tra i 25 e i 44 anni, che predilige serie poliziesche e di azione quali NCIS o Criminal Minds, ma che non disdegna i cosiddetti “medical drama” come Dottor House o Grey’s Anatomy, e una categoria di più giovani, diciamo tra i 15 e i 25 anni, che ovviamente si orientano più sui “teen drama” come Glee o Girls. Ma questa categorizzazione di massima è a sua volta ulteriormente divisibile sulla base di quelle che sono le personali tendenze e gusti e che ci fanno discutere con gli amici sulle nostre preferenze su questa o l’altra serie, e che danno, perché no, anche un’idea su chi siamo o chi vorremmo essere.

 serietv

Le serie tv che guardiamo ci rivelano chi siamo o chi vorremmo essere

Tanto per portare un esempio chi fa o vuol fare il terapista difficilmente si lascia sfuggire una puntata di In treatment oppure di Lie To Me. E quasi sicuramente è anche un accanito fan di Web Therapy (quello con Lisa Kudrow, che tutti ricordiamo nella serie Friends), una serie tv che sta facendo scuola nel vero senso della parola, tanto da essere stata inserita, negli Stati Uniti, all’interno di corsi di psicoterapia per mostrare come non bisogna agire in analisi.

Chi invece si occupa di pubblicità, o vorrebbe farlo, segue sicuramente Mad Men. Chi ha la passione per tutto ciò che è vintage avrà visto sicuramente entrambe le serie di Romanzo Criminale.

Gli avvocati, i giudici o chi ha semplicemente radicato in sé un forte senso di giustizia ha l’imbarazzo della scelta. I legal thriller abbondano sui nostri schermi e le serie tv di nuova concezione danno spunti estremamente interessanti in tal senso: si pensi a Scandal, o a Suits. Neanche a nominare Law&Order che ormai sono anni che ci accompagna con i suoi infiniti spin off. Altre serie di questo genere appassionano comunque anche chi avvocato non è. Vedi ad esempio The Good Wife. Sempre in tema non possiamo non parlare di quelle serie che hanno dato il proverbiale “la” a tutta una generazione di nuovi criminologi: Bones, Profiler e la già citata Criminal Minds.

Per il pubblico femminile, ma non solo, rimasto orfano delle “casalinghe disperate” (Desperate Housewives appunto) le serie in loro sostituzione che vanno ora in onda non sono da meno e non regalano meno brividi ed emozioni: Cougar Town e Private Practice (che nasce come “medical drama” ma che non potrebbe esserlo di meno) sono un esempio lampante. A dare una scossa a queste signore ci sono, perché no, anche serie televisive insospettabili come Arrow, che ben poco hanno di casalingo ma che, grazie all’estremamente atletico protagonista, Stephen Ammell, richiamano l’attenzione di un pubblico più che ampio.

Per chi è profondamente romantico ma gradisce anche una buona dose di azione (e soprattutto che ha amato le atmosfere regalate dalla serie di Twilight) come non citare The Vampire Diaries, il quale di primo acchito sembrerebbe robetta per teenagers ma che in realtà accoglie, tra le fila dei fans, spettatori di tutti i generi e di tutte le età.

Per coloro che hanno, invece, il pc al centro della loro vita, sia privata che professionale, e che amano le atmosfere fantascientifiche come non citare Battlestar Galactica, con le sue lotte tra cyborg ed umani, o il più fresco Black Mirror.

Se invece non potete vivere senza social network Person of Interest e The Following (con un sempreverde Kevin Bacon) sono le serie che sicuramente seguite più accanitamente.

Insomma avete capito: c’è solo l’imbarazzo della scelta e non è affatto difficile fare una auto-analisi su chi si pensa di essere o su quello che si vorrebbe essere. Ci sono le vostre serie tv preferite a definirlo.

E allora: diteci che serie tv guardate e vi diremo chi siete.

Da leggere