Home Attualità

Ecco a voi Telegram, l’acerrimo nemico di WhatsApp!

CONDIVIDI

Che il nostro caro e vecchio WhatsApp stia per andare in pensione rimpiazzato dal nuovo e più performante (almeno così sembra) Telegram? Chi lo sa!

Intanto cerchiamo di capire di cosa si tratta e quali sono le differenze tra i due.

 

telegram

 

Per quanto riguarda la memoria utilizzata dal nostro smartphone per questa applicazione, la stessa è di gran lunga minore rispetto a quella utilizzata da WhatsApp con una conseguente maggior fluidità.

In termini di autenticazione anche sembra vincere Telegram, infatti questa app può essere tranquillamente installata su più dispositivi senza problemi di autenticazione, senza contare che può essere installata anche su PC senza alcun bisogno di emulatori vari come accade invece per il concorrente.

L’invio dei file subisce una vera e propria rivoluzione: Telegram consente infatti di mandare allegati (foto, video e quant’altro) di dimensioni fino a 1GB. Decisamente molto meglio dei 14Mb di WhatsApp!

E’ possibile visualizzare direttamente se i membri dei vari gruppi siano online in un determinato momento oppure no. Con WhatsApp è necessario invece “esplorare” gli utenti del gruppo uno ad uno.

In termini di privacy sembra invece avere una marcia in più WhatsApp in quanto è ora possibile disattivare la doppia spunta blu dell’avvenuta lettura del messaggio mentre in Telegram è tutto fin troppo visibile e trasparente.

L’estetica grafica delle due app è praticamente la stessa, basta sostituire al verde di WhatsApp il blu di Telegram. Anche le schermate di chat sono pressoché identiche. Leggermente diversa è la grafica del pannello di controllo (o “impostazioni” che dir si voglia) ma veramente di poco.

Ultimo, ma non per questo meno importante, il costo. Se n’è detto e discusso tanto dei famosi 0,89 cent all’anno di WhatsApp. Di fatto Telegram si presenta come un’applicazione totalmente gratuita. Vero è che anche WhatsApp ai suoi esordi era completamente free. Chissà che con il tempo anche la più giovane app non ci riservi qualche sorpresa.

In ogni caso per fare il login è comunque necessario il numero di telefono.

A questo punto credo che altro non ci rimanga da fare se non testare anche questo nuovo prodotto e vedere tra i due chi avrà la meglio.

Fateci sapere cosa ne pensate e soprattutto i vostri commenti una volta provato!