Home Salute e Benessere

Cinque cose da sapere sull’argento colloidale ionico

CONDIVIDI

Uno tra i rimedi naturali più antichi e per secoli utilizzato per combattere le infezioni batteriche,  è senza dubbio l’argento colloidale ionico. Questo minerale possiede un potente potere antibatterico e antinfiammatorio.

argento

Chedonna.it vuole farvi conoscere questo rimedio che potrà esservi utile per affrontare al meglio la stagione fredda appena iniziata.

Cosa è l’argento colloidale ionico

Prima del 1930, quando i primi antibiotici fecero il loro ingresso nella vita delle persone, il rimedio più utilizzato per combattere infezioni ed infiammazioni era l’argento colloidale ionico. Questo rimedio consiste in una soluzione costituita da particelle d’argento che restano sospese in un solvente senza sciogliersi perchè appunto ionizzate, cioè caricate elettricamente. L’argento colloidale è risultato efficace per più di 650 malattie infettive, al contrario degli antibiotici chimici che risultano efficaci su molti meno batteri. La soluzione che di solito si utilizza sia per uso topico che sistemico è trasparente, contiene quindi particelle molto piccole che possono essere facilmente assorbite sia dalle mucose che dalla pelle. La sostanza risulta incolore e insapore ma possiede molti benefici da apportare al nostro organismo.

Cinque usi dell’argento colloidale

L’argento colloidale è considerato un potente antibatterico, disinfettante e antimicotico, può essere utilizzato quindi in diversi tipi di patologie, vediamo quali.

Apparato respiratorio: può essere assunto per curare tosse, raffreddore, catarro, male di gola, sinusite, polmonite, pleurite, tiroidite, placche alla gola, rinite allergica e asma.

Apparato gastrointestinale e urogenitale:  può essere usato per curare parassiti, cistite, gastroenterite, diarrea, prostatite e candida.

Apparato cutaneo: può essere assunto per curare. dermatiti, micosi, eritemi, piaghe, herpes e psoriasi.

Tagli, ferite e ustioni: può essere usato per disinfettare tagli, abrasioni, ferite e per accellerare il processo di riformazione dei tessuti.

Artrite e artrosi: può essere assunto come antinfiammatorio per i processi flogistici e dolorosi legati a queste patologie.