Home Attualità

Alcool in polvere, la nuova frontiera dell’enologia?

CONDIVIDI

L’enologia, una delle tradizioni che rendono grande il nostro paese e ricercati i vini prodotti nelle cantine Italiane. Una nuova frontiera sta per essere varcata in campo enologico, quella dell’alcool in polvere. Chedonna.it vi racconta come nasce questo prodotto e quali possono essere i suoi utilizzi.

Palcohol-alcolici-in-bustina

Alla base della scoperta e della creazione di questo alcool in polvere c’è una grande ricerca di praticità, dopo il vino in tetrapack, ecco il vino e i super alcolici in bustina.

L’alcool liofilizzato,comodità nel trasporto, ma il gusto?

Ad inventare questo nuovo modo di produrre bevande alcoliche è stato un americano, Mark Phillips. Mark nella vita è un grande sportivo impegnato in scalate, ciclismo e spesso si trova a vivere situazioni estreme e pernottamenti improvvisati in tenda. Sentendo il bisogno di consumare nei momenti di relax un buon drink ha inventato l’alcool in polvere, il Palchohol, un drink alcolico e solubile. Con la sua invenzione ha eliminato definitivamente il problema del trasporto di pesanti bottiglie e della loro possibile rottura. Durante le sue avventure potrà gustare un moijto diluendo la polvere liofilizzata con dell’acqua. Molti sono i gusti dei cocktail ridotti in polvere, e oltre ad essere consumati dopo la diluizione in acqua potrebbero essere utilizzati per addizionare bevande analcoliche. La sua invenzione, che ha già spopolato tra i giovani americani ha però portato con se una controindicazione molto spiacevole, i giovani infatti hanno iniziato a sniffarla con pericolose conseguenze per la salute, sul sito infatti si diffida ogni uso alternativo del prodotto. Questa invenzione ha incuriosito una azienda la Lipsmark che ha deciso di svilupparla e immetterla nel mercato mondiale ma per motivi legislativi il progetto per il momento sembra insabbiato.  Un  iniziale approvazione dell’ Alcohol and Tobacco Tax and trade Bureau, aveva fatto pensare ad un esito più che positivo, in seguito l’autorizzazione è stata ritirata con la motivazione di un errore nel rilascio. Una  innovazione? una grande trovata commerciale? Noi Italiani forse non aspetteremo con ansia queste inebrianti bustine al gusto di rum, siamo un paese a cui piace gustare un distillato fuoriuscito da una bellissima bottiglia!

VIDEO NEWSLETTER