Home Attualità

5 cose che Sex and the City ci ha insegnato

CONDIVIDI

Abbiamo riso, pianto, gioito, tifato, trepidato, sempre con loro e per anni così lunghi che probabilmente ancora non son finiti. Samantha, Miranda, Charlotte e, ovviamente, Carrie ma per le fan, semplicemente, le ragazze di Sex and the City.  Ci hanno trascinato in un vortice di moda, amore, passione, divertimento e chi più ne ha più ne metta ma, di tanta abbondanza, cosa è rimasto a noi fan?

CheDonna.it vi invita oggi a scoprire i 5 insegnamenti di vita e d’amore che “le ragazze” ci hanno regalato in tutto questo tempo. Buon divertimento!

Sex-and-the-City-HQ-Wallpaper-sex-and-the-city-10842228-1280-720

Per rendere più divertente questa “summa” della saggezza made in Sex and the City abbiamo deciso di proporvi una top 5 a suon di citazioni: frasi memorabili che tutte, senza dubbio, ricorderemo e che riassumono più che bene quel che il telefilm pi amato di sempre ci ha insegnato.

VIDEO NEWSLETTER

Top 5, quel che Sex and the City ci ha insegnato

Cinque citazioni dunque per cinque insegnamenti da scolpire nella nostra mente. Ripassiamo insieme:

«A letto siamo come nella vita. Non ho mai conosciuto un uomo che fosse pessimo a letto e buono nella vita». (Samantha)

«Distruggere tutte le foto dove lui ha un’aria sexy e tu sembri felice. Mentire. È più facile che ammettere la realtà delle cose. Finché non si è emotivamente stabili non mettere piede nei negozi. Non smettere di pensare a lui neanche per un momento perché è proprio in quel momento che lui apparirà. La più importante di tutte: non conta chi ti ha spezzato il cuore o quanto ci vuole per guarire, non ce la farai mai senza le tue amiche». (Carrie)

«Gli uomini troppo belli non sono bravi a letto perché non hanno mai dovuti esserlo». (Carrie)

«Gli uomini sui quaranta sono come le parole crociate del New York Times: difficili, complicati e non sei sicura di avere la risposta giusta». (Carrie)

«Se rimango insoddisfatta una volta è colpa mia, se rimango insoddisfatta due volte è colpa sua». (Samantha)

Fonte: www.vanityfair.it