Home Attualità

MUSICA: Roberto Fabbri in concerto all’Auditorium Parco della Musica di Roma

CONDIVIDI

ROBERTO FABBRI_locandina AuditoriumSabato 27 dicembre, nell’ambito di “Natale all’Auditorium”, il chitarrista ROBERTO FABBRI sarà in concerto all’Auditorium Parco della Musica di Roma (Sala Petrassi – ore 21.00) con il suo nuovo spettacolo CHITARRA!, accompagnato dal Roberto Fabbri Guitar Quartet (Roberto Fabbri, Paolo Bontempi, Leonardo Gallucci, Luigi Sini) e dall’Orchestra d’Archi e Coro dell’Accademia “Novamusica” di Roma, diretti da Luca Proietti.

CHITARRA! è uno spettacolo in cui la chitarra classica opera una fusione fra tradizione ed attualità. Il “monologo” strumentale dei momenti solistici si alterna a momenti dialettici, con il quartetto di chitarre e con l’orchestra d’archi, in nuovi arrangiamenti dei brani contenuti nei precedenti lavori dell’artista.

Il concerto si aprirà con la visione del video, diretto da Matteo Vicino, di “Don’t Let Me Be Misunderstood”, il celebre brano dei Santa Esmeralda proposto da Roberto Fabbri in una versione inedita (prodotta da Sony Classical). Durante lo spettacolo, inoltre, verranno presentati degli estratti diQuartieri Spagnoli, Italia”, regia di Fabio Venditti, reportage prodotto da TG2 Dossier con la collaborazione di Actionaid di cui il chitarrista ha curato la colonna sonora e andato in onda su Rai2 e sui quali suonerà live.

Fabbri ha firmato un contratto con l’etichetta Sony Classical (distribuita da Sony Music in Italia e nel mondo), ed è l’unico italiano a far parte dell’esclusivo gruppo di chitarristi classici Sony formato da Julian Bream, John Williams, Los Angeles Guitar Quartet e Sharon Isbin.

Il suo ultimo disco “Nei tuoi occhi” (Sony Classical), disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e sulle  piattaforme streaming, è una raccolta di 17 composizioni inedite in cui ognuna narra una storia, un sentimento, un luogo o un avvenimento con l’obiettivo di riportare la chitarra classica al grande pubblico e negli importanti cartelloni concertistici. Il disco comprende “Fantasia sin palabras”, la composizione commissionata a Roberto Fabbri dal XXVI Festival Internacional Andrés Segovia 2012 di Madrid.

Roberto Fabbri, unico chitarrista classico italiano che sia riuscito a far conoscere, apprezzare e utilizzare la propria metodologia chitarristica a livello mondiale, in particolare in Spagna, è nato a Roma nel 1964. Concertista, compositore, autore e didatta, ha studiato chitarra presso il Conservatorio di Musica “S. Cecilia” di Roma. Alla carriera concertistica ha da sempre affiancato una notevole attività editoriale, collaborando con numerose case editrici (Anthropos, Berben, Playgame, EMR, Warner Bros, Carisch). Le sue oltre 30 pubblicazioni per chitarra sono tradotte in cinque lingue, compreso il cinese, e distribuite in tutto il mondo dalla prestigiosa casa editrice italiana Carisch. Tiene regolarmente concerti e masterclasses, insieme a prestigiosi nomi del panorama chitarristico internazionale, nei più importanti festival chitarristici e nelle più prestigiose sale d’Europa, Stati Uniti, Sud America, Russia ed Asia. È testimonial della prestigiosa liuteria spagnola Josè Ramirez. Nel 2010 Fabbri ha ricevuto degli importanti riconoscimenti: il prestigioso premio “Socio De Honor” al “Festival Internacional Andrés Segovia” di Madrid, e il Premio Speciale Didattica 2010 della casa editrice Carisch per oltre 150.000 copie vendute dei suoi libri. Con il suo ultimo disco di chitarra classica “Nei tuoi occhi”, arrivano nel 2013 nuovi e importanti riconoscimenti, come il Premio Nazionale “L’altra Italia – Vite Da Premio”. Dopo aver aperto alcune date dell’“Apriti Sesamo Tour” di Franco Battiato, e aver registrato il sold out all’Auditorium Parco della Musica di Roma nel marzo 2013, Roberto Fabbri è stato in tour in Spagna, dove è tra gli artisti italiani più conosciuti, nonostante sia un chitarrista e non un cantante pop o rock. Nel novembre 2013, ha presentato in Vaticano “Una Preghiera”, una composizione per voce solista, coro e quartetto di chitarre su testo dell’Ave Maria firmata insieme a Paolo Bontempi. Il chitarrista è reduce da un tour che lo ha portato a suonare recentemente in tutta Italia e anche in Europa.