Home Attualità

LIBRI: ‘La villa a due porte’

CONDIVIDI

imageOggi, la redazione di CheDonna per la sezione Libri, vi propone un romanzo autobiografico degno di nota, “La villa a due porte“, di Vera Bekteshi (Edizioni Besa, Collana Nadir, pagine 294).

L’incipit

“La casa in cui trascorremmo l’infanzia a Tirana era una grande villa di tre piani con due ingressi situata nella zona del cosiddetto “Blocco della dirigenza”. Vivevamo nel secondo appartamento, al secondo piano. Un giorno domandai a mia madre cosa fossero quelle piccole finestre con reti d’acciaio, poste sul muro delle scale tra secondo e terzo piano. Mia madre, pur non essendo un ingegnere, mi rispose che servivano per l’aerazione, ma io non le credetti. All’epoca dovevo avere circa dodici anni e pensavo che quelle finestrelle fossero state volute dall’ex proprietario per controllare chi avrebbe vissuto da quel momento nella villa che gli era stata sottratta con la forza.”

Il libro

Vera Bekteshi è abile nel rappresentare, con leggerezza e ironia, il periodo più difficile della storia albanese, quello della dittatura di Enver Hoxha. E lo fa regalando al lettore la storia della sua famiglia, che visse fino al 1974 in una villa del famigerato Blocco. Da donna, abbandonata improvvisamente dal marito, madre, figlia e amica, veste i panni di testimone del suo tempo e dovrà adattarsi a un’esistenza fatta di soprusi, prigionia e sete di rivalsa. Non più libera e in condizioni di povertà estrema, sorprenderà il lettore con il suo racconto ricco e sfaccettato delle vite di chi la circonda, vittime e carnefici, ognuno con la propria personalità e il proprio spessore, in un mondo crudo e avulso dalla normalità. (dalla quarta di copertina).

L’autrice

Vera Bekteshi è nata e cresciuta a Tirana, nel cosiddetto “Blocco della dirigenza”. Figlia di un militare di alto grado, è stata vittima della dittatura: dopo il divorzio politico, la perdita del lavoro e l’arresto del padre, ha trascorso quasi sedici anni di isolamento, con la famiglia e il figlio, nei più remoti villaggi dell’Albania. Tornata a Tirana nel 1991, nel 1969 si è laureata in fisica e dal 1997 è dottore in fisica. Negli ultimi anni si è dedicata quasi completamente alla scrittura letteraria.