Home Attualità

LA DONNA DEL GIORNO: Caroline Hewitt

CONDIVIDI

Women In Film And TV AwardsCaroline Hewitt è entrata a far parte di una società di produzione all’inizio degli anni ’80 per realizzare video aziendali: doveva restare solo due settimane e vi è rimasta invece per due anni. In seguito ha continuato ad occuparsi di produzione di documentari presso la Alan King Associates (AKA) e per la Telekation Ltd. con Susanna Capon e Barry Hanson.

Quando Hanson ha prodotto “Christmas Present” (del regista Tony Bicat), uno dei primi film di Channel 4, Caroline Hewitt ha lavorato come manager di produzione. In seguito ha lavorato come freelance con Sarah Radclyffe nel ruolo di line producer nei film “Wish You Were Here” (di David Leland), “A World Apart” (Un mondo a parte, di Chris Menges) e “Fools of Fortune” (La casa del destino di Pat O’Connor).  Ha inoltre lavorato con il produttore John Hardy in “Queen of Hearts” (di John Amiel). Nel 1990 è stata line producer di “GBH”, la serie di Channel 4 scritta da Alan Bleasedale e diretta da Robert Young.

Nel 1991  ha creato la sua società di produzione con il produttore e regista tedesco  Hans Geissendoerfer: la Strawberry Vale Films. Lavorando in particolare con scrittori e registi esordienti, Hewitt ha prodotto un cortometraggio nominato al BAFTA, “Heartsongs” (diretto da Sue Clayton), e film che comprendono: “Loaded” (di Anna Campion), “The Fifth Province”  (di Frank Stapleton), “The Nine Lives of Tomas Katz” (di Ben Hopkins), ed è stata produttore esecutivo di “The Young Poisoner’s Handbook” (di Ben Ross). Ha unito di nuovo le forze con Sarah Radclyffe per lavorare su “Les Miserables” (I miserabili, di Bille August).

Tornando al mondo freelance, Caroline Hewitt ha lavorato con la produttrice veterana Michelle de Broca in “The Old Man Who Read Love Stories” (di Rolf de Heer), con Richard Dreyfuss. Nel 2000 ha iniziato a lavorare come responsabile della produzione presso la Film 4, che all’epoca era guidata da Paul Webster. Nel corso di 18 mesi ha collaborato ai seguenti  titoli: “Charlotte Gray”,  “It’s All About Love” (Le forze del destino), “The Emperor’s New Clothes” (I vestiti nuovi dell’imperatore),  “Buffalo Soldiers” e “The Warrior”. Nel  2002, Hewitt è tornato nel mondo dei freelance in veste di co-produttore nei film: “Bright Young Things” di Stephen Fry  con Emily Mortimer, Michael Sheen e James McAvoy;  “The Hitchikers Guide to the Galaxy” (Guida intergalattica per autostoppisti)  di Garth Jennings; e “Mr. Bean’s Holiday” con Rowan Atkinson per la regia di Steve Bendelack. Ha prodotto anche “Sweeney Todd” di David Moore con Ray Winstone e Gub Neal per la BBC. A questo è seguito “Bright Star” che Hewitt ha prodotto con Jan Chapman per la regia di Jane Campion.

Crediti più recenti di coproduttore comprendono: “The Eagle” (di Kevin MacDonald); “The Best Exotic Marigold Hotel” (Marigold Hotel, di John Madden); e “The Two Faces of January” (I due volti di gennaio di Hoss Amini).