Home Attualità

CARO AVVOCATO:

CONDIVIDI

blog_iconL’avvocato Sara Testa Marcelli risponde:

Il legislatore non ha ancora disciplinato con minuzia tutte quelle situazioni in cui vi sia una diffamazione commessa su blog o su testate giornalistiche che utilizzano supporti informatici.

La legge sulla diffamazione commessa con il il mezzo della stampa si riferisce difatti a testate giornalistiche la cui attività viene espletata non sul web bensì mediante l’utlizzo di supporti di natura cartecea. In virtù di tali previsioni, risulta responsabile per omesso controllo il direttore del giornale che omette di controllare i contenuti degli articoli redatti dai giornalisti. Si configura quindi una responsabilità per omesso controllo che si affianca alla responsabilità del redattore del “pezzo” a contenuto di natura diffamatoria

Recentemente, il Tribunale di Lecco, ha statuito che “non è configurabile la responsabilità civile del titolare di un blog a seguito dell’accertamento della commissione del reato di diffamazione a mezzo stampa-internet ai sensi dell’art. 57 C.P. in quanto il dato letterale della normativa sulla stampa non consente la sua riferibilità all’informazione via web caratterizzata da elementi ontologicamente diversi rispetto all’informazione classica né d’altro canto è consentita nel nostro ordinamento, in materia penale, l’interpretazione analogica in malam partem“.

Anche la Suprema Corte di Cassazione ha più volte sottolineato l’impossibilità di reperire all’interno dell’ordinamento una norma giuridica che consenta di estendere tout court, in via analogica o interpretativa, alle pubblicazioni su internet la disciplina prevista per la stampa.

La stessa Corte di legittimità ha sottolineato che il dato letterale della normativa sulla stampa non consente la sua riferibilità all’informazione via web caratterizzata da elementi ontologicamente diversi rispetto all’informazione classica, nonché foriera di forti problematiche in relazione alla esigibilità di analoghi poteri e possibilità di controllo da parte del gestore dell’informazione via internet.