Home Attualità

LIBRI: ‘La ragione per cui corro’

CONDIVIDI

levine_250X_Quando il mondo intorno a te sta crollando, e tu sei solo un ragazzino senza santi in paradiso, non ti resta che correre. E Bingo corre. Corre per le strade devastate deglislum di Nairobi, corre per luoghi dove la speranza è stata dimenticata e il futuro è un buco nero. Corre trasportando piccole buste contenenti la cosa più preziosa che c’è, la polvere bianca che luccica più dell’oro. L’eroina. Quella per cui a Nairobi non si esita a uccidere, ma grazie alla quale Bingo e gli altri come lui – ragazzi che non hanno niente e nessuno al mondo – riescono, in qualche modo, a sopravvivere. Perché Bingo – un orfano di quindici anni, che per un disturbo della crescita ha ancora le fattezze dolci di un bambino – ha imparato presto il compromesso. Eppure sarà proprio lui a raccontarci che a volte, anche quando intorno c’è l’inferno, la bellezza si può trovare nelle piccole cose. Una storia straordinaria, forte e toccante, che ci trasporta in un mondo lontano ma fin troppo reale, un inferno in terra dove l’amore non ha mai fatto capolino. Raccontata con una voce sorprendente, struggente e incredibilmente autentica.

L’AUTORE

Sposato con due figlie, vive in Minnesota. Medico e scienziato di fama internazionale, ha ottenuto molti premi per la sua attività di ricerca e viene spesso intervistato dalle maggiori testate giornalistiche americane e internazionali. In collaborazione con la FAO e le Nazioni Unite, si è impegnato in progetti di solidarietà internazionali e ha condotto numerose ricerche sulla condizione delle donne e sul lavoro minorile nel Terzo Mondo e nelle aree più disagiate. Il suo primo romanzo, Il quaderno azzurro, pubblicato in Italia da Piemme, nasceva proprio dall’incontro fortuito con una ragazzina nel quartiere a luci rosse di Mumbai, ed è stato uno straordinario bestseller internazionale. La ragione per cui corro è il suo secondo romanzo, acclamatissimo dalla critica americana. Con i proventi della sua scrittura ha istituito una fondazione a favore dei bambini sfruttati.