Infertilità di coppia, un aiuto dall’agopuntura

L’infertilità di coppia è un problema che negli ultimi anni interessa sempre più persone. Lo stress, la vita frenetica e i problemi incidono molto su questa problematica ma anche l’alimentazione e i problemi fisiologici contribuiscono alla sterilità di una persona. Si parla di infertilità solo dopo un anno di rapporti sessuali non protetti senza l’ arrivo di una gravidanza. Sempre più coppie decidono quindi di ricorrere alla procreazione assistita. Un valido aiuto durante la medicalizzazione del concepimento è rappresentato dalla medicina tradizionale cinese con l’agopuntura.

agopuntura

Da una ricerca pubblicata sul British Medical Journal risulterebbe che  utilizzare l’agopuntura prima, durante e dopo la fecondazione assistita faccia salire le possibilità dell’instaurarsi di una gravidanza del 60 per cento. Che donna che ha sempre a cuore la salute e il benessere delle proprie lettrici, vuole informarvi sul tipo di terapia alternativa e su come possa aiutarvi a vivere al meglio l’esperienza molto particolare di una gravidanza che tarda ad arrivare.

Infertilità di coppia e agopuntura un connubio vincente

In tutto il mondo è ufficialmente riconosciuto che la medicina alternativa, ed in particolare la medicina tradizionale cinese e l’agopuntura siano un validissimo aiuto per la fertilità della coppia. Molti centri dove si pratica la fecondazione assistita offrono la possibilità di sottoporsi a delle sedute di agopuntura per stimolare il sistema endocrino e per superare l’ansia e lo stress legati a questa particolare patologia. Il medico che pratica l’agopuntura di solito consiglia di completare la terapia assumendo dei rimedi fitoterapici e seguendo una particolare alimentazione a basso contenuto di proteine animali. Il corpo deve essere libero da tutto ciò che ostacola la procreazione. Tossine, stress e blocchi emotivi riescono a trovare la giusta risoluzione durante le sedute di agopuntura.

In cosa consiste la cura

La terapia con l’agopuntura fa parte della medicina tradizionale cinese, non prevede l’uso di medicinali ma soltanto l’utilizzo di aghi che vengono introdotti in modo leggero in alcuni punti del corpo per andare a stimolare un particolare meccanismo fisiologico. Nel caso dell’ infertilità i punti considerati tipici da stimolare sono i piedi, le gambe, le mani, l’addome e le orecchie. In sede di terapia il medico potrà aggiungere dei punti che riterrà giusti per la donna o l’uomo che sta curando. La durata della terapia è a discrezione del medico, ed inizierà prima della fecondazione assistita e dopo.

Una donna che decide di sottoporsi ad una fecondazione assistita si trova a scegliere di vivere bombardamenti ormonali, crisi di panico, nausee e  chili di troppo,  tutto questo per avere la gioia di diventare mamma. Vale la pena di rivolgersi ad una terapia naturale per alleviare lo stato di tensione emotiva a cui si è sottoposte e per aiutare in modo concreto la nascita di una nuova vita!