Home Intimità

5 cose da sapere sul bondage

CONDIVIDI

C’è chi da sempre è affascinato dai lati più oscuri e creativi del sesso, chi invece si sta avvicinando a simili pratiche solo di recente, magari sulla scia hot delle 50 sfumature, quel che accomuna un po’ tutti però è senza dubbio una buona dose di curiosità verso questo lato misterioso e affascinante dell’intimità.

CheDonna.it oggi prova a gettare un fascino di luce svelando qualche curiosità su una delle pratiche più celebri e ardite del sesso estremo: il bondage.

Schermata 2014-08-18 alle 17.19.00

L’arte di legare o essere legati, quell’esperienza che implica totale fiducia nell’altro e il fascino di qualche cosa che sa ancora, nonostante tutto, di proibito. Proviamo a capire meglio di cosa si tratta e cosa differenzia tutto ciò dai mille modi di fare l’amore che già conosciamo.

5 curiosità sul bondage

Ecco dunque 5 informazioni o curiosità che potrebbero chiarire le idee a chi vuole addentrarsi nel mondo del bondage, un universo antico che contempla il fascino di trasformare il corpo umano in vero e proprio materiale artistico. Ecco come.

1- Il dolore non è assolutamente previsto in questa pratica, attinente sì alla sfera del sadomasochismo ma solo per quanto concerne la dinamica “dominatore-sottomesso”

2- Legare o essere legato? Raramente in una coppia i ruoli sono fissi, il fascino sta nello sperimentare entrambi i ruoli in modo alternato.

3- Evitare sempre di legare il collo o le parti del corpo con le vene in vista come interno dei gomiti e delle ginocchia

4- Il bondage nasce non come pratica sessuale ma come una vera e propria arte che in oriente esalta il fascino di un corpo legato secondo regole e dinamiche assai raffinate

5- Ironia e onestà: ecco le due caratteristiche che devono possedere le coppie che vogliono avvicinarsi a questa pratica. Prenderla come un gioco è essenziale così come parlarne con limpidezza prima di provare, mettendo soprattutto in luce i limiti che ciascun partner vuole vengano osservati