Cinque cose da sapere per valorizzare le lentiggini

Da bambine sono una vera e propria croce, piccole macchioline da cui scaturiscono prese in giro a non finire. Quando scrosciamo poi quella sensazione di vergogna ci rimane cucita addosso e così ci si ostina a volerle coprire, mascherare o nascondere in qualsiasi modo possibile: le lentiggini invece possono essere un vezzo simpatico, e anche un po’ sexy, per qualsiasi donna che avrà così un’aria sbarazzina e un po’ da Lolita

CheDona.it vuole allora insegnarvi oggi come sfruttare al meglio il make up non per coprire le macchioline ma, al contrario, per valorizzarle al meglio.

20314-freckles-yvt2

Il trucco infatti può essere un alleato potente su più versanti ma il compito in cui riesce a dare il suo meglio non è nascondere i difetti bensì sottolineare i pregi. Scopriamo allora come un tocco di make up possa spazzare via anni di prese in giro e battute poco spiritose.

Consigli di make up per valorizzare le lentiggini

Per valorizzare al meglio le lentiggini è essenziale concentrarsi su due aspetti del trucco: il primo e una base leggera, che sia quanto di più lontano possiamo immaginare dal mascherone di fondotinta, il secondo è la scelta di abbinamenti cromatici azzeccati. Vediamo dunque come sviluppare al meglio questi due punti chiave:

Fondotinta minerale: è senza dubbio il prodotto migliore per uniformare l’incarnato senza andare a coprire eccessivamente inoltre, permetterà nel periodo estivo di ottenere una base leggera e a prova di lucidità

Blush color mattone o corallo: un tocco di colore che vada a dare un aspetto sano ma senza diventare protagonista del make up, illuminando anzi la zona dove le lentiggini solitamente si presentano in maggior numero

Matita occhi nera o testa di moro: chi ha le lentiggini solitamente presenta un incarnato chiaro e, dunque, occhi verdi o azzurri. Questi colori saranno perfetti per andare ad evidenziarli al meglio.

Matita labbra terracotta o porpora: per chi usa questo prodotto sarà bene optare per colori accesi ma naturali che sappiano dare definizione senza essere però troppo incisivi.

Rossetto arancio, rugine, terracotta o ciliegia: vale lo stesso principio della matita, che ci spinge dunque a mantenerci su colori di peso ma dalla base cromatica quanto più possibile naturale.