Come riconoscere il reflusso gastroesofageo

Informazioni e sintomi per scoprire se si soffre di reflusso gastrico

In Italia quasi 25 persone su 100 soffrono di reflusso esofageo e quando diventa un disturbo cronico, presentandosi più di due volte alla settimana, si parla di malattia da reflusso gastroesofageo. Ma dato che sono in molti ad avere disturbi digestivi, come fare per capire se si soffre realmente di reflusso? Ecco, per voi, alcune informazioni su questo problema e un elenco dei sintomi più diffusi.

reflusso

Che cos’è il reflusso

Il reflusso gastroesofageo, o reflusso gastrico, è una condizione medica in cui la valvola che chiude l’entrata dello stomaco si apre spontaneamente, per periodi di tempo variabili, o non si chiude correttamente e il contenuto dello stomaco risale verso la bocca attraverso l’esofago. In molti casi dipende da cattive abitudini alimentari, ma i fattori che lo scatenano possono essere di varia natura: la gravidanza, il fumo, vestiti troppo stretti, stress.

I sintomi

Questi sono i sintomi più ricorrenti del reflusso

  • bruciore
  • rigurgito acido
  • senso di digestione lenta e faticosa

Questi, invece, sono i sintomi derivati dall’irritazione provocata dagli acidi a contatto con le vie respiratorie superiori

  • faringite (mal di gola ricorrente)
  • sensazione di nodo alla gola (sensazione di corpo estraneo e di contrazione alla gola)
  • tosse stizzosa