Sintomi del raffreddore e dell’allergia: come distinguerli?

Come distinguere l’allergia dal raffreddore

Starnuti a raffica, congestione nasale, sarà un comune raffreddore ma il periodo caldo appena iniziato ci mette in effetti un po’ in dubbio. E se fosse allergia? Distinguere le due cose non è infatti sempre così facile ma risulta indispensabile per porre rimedio ai sintomi al più presto. Ecco allora qualche suggerimento per sbrogliare questa matassa e imparare a distinguere allergia e raffreddore.

allergia

Per guidarvi in questo discernimento ecco un elenco di sintomi e una guida su come attribuirli all’uno o all’altro disturbo. Potrebbe essere un eccellente punto di partenza per imboccare la via della guarigione e chissà che il dilemma “raffreddore o allergia” non abbia smesso di tormentarvi.

I sintomi

Prurito agli occhi: senza dubbio denota più un’allergia che un comune raffreddore

Febbre: una lieve alterazione può anche esser causata da un forte attacco allergico ma scena dubbio è più comune la dipendenza dal raffreddore

Mal di testa: anch’esso è più facile che dipenda dall’allergia che dal raffreddore

Stagionalità: se i sintomi si presentano in un momento particolare dell’anno, come la primavera, l’allergia è la causa più comune

Durata: se il fenomeno si limita a poche ore  l’allergia è più probabile dato che un raffreddore dura dai 5 ai 10 giorni

Tosse: può essere associata ad un’allergia ma più spesso al raffreddore

Vertigini: comunemente associate più al raffreddore che all’allergia