Home Attualità

MUSICA: Intervista a Silvia Tancredi

CONDIVIDI

Silvia Tancredi_cover The Cage

Silvia Tancredi è una cantante e autrice torinese che vanta una nutrita carriera come vocalist al fianco di grandi artisti. Il suo brano “The Cage”, è stato scelto dalla regista Mirca Viola per la colonna sonora del film “Cam Girl”. Noi l’abbiamo intervistata per saperne di più…

Ascoltare Silvia Tancredi significa addentrarsi in un mondo di collegamenti ben precisi. Il primo riguarda proprio l’universo R ‘N B. Che significato ha per te?

Il mio background affonda radici profonde nella black music, mondo che ha stimolato la mia crescita artistica e musicale. La carica emotiva e il fascino delle voci nere sono da sempre per me motivo di studio e di ispirazione, ma anche stimoli per la ricerca sonora sia per quanto riguarda il canto e la voce che per quanto riguarda la scrittura delle canzoni.


Qual è stata la molla che ti ha fatto decidere di dedicare la tua vita alla musica?

Dopo diverse esperienze ed una lunga gavetta c’è stato un momento in cui ho capito che la mia vita si era fusa del tutto con la musica e che lontano da lei non sarei stata una persona felice. Dico sempre che è stata la musica ad avermi scelta e non il contrario. La forte passione è la chiave che ogni giorno mi fa guardare oltre le difficoltà che questo tipo di scelta mi porta ad affrontare, ed è il grande desiderio di cantare che mantiene viva la mia passione.


La scelta di approdare al gospel e alla black music è stata suggerita o è stata la tua anima musicale a indirizzarti verso questi due generi?

I miei genitori sono sempre stati grandi appassionati di musica e tra i dischi che ascoltavamo in casa non mancava la black music, da James Brown ad A. Franklin fino a Ray Charles. Poi quasi per gioco, dopo l’uscita del film Sister Act, abbiamo fondato un coro gospel e da quel momento è incominciata una lunga ricerca verso la scoperta del gospel e dell’America. Quel tipo di musica mi ha aiutata a riscoprire la mia vocalità più pura e la mia anima musicale, elementi che poi ho cercato di portare anche nei miei progetti discografici.


Il brano “The cage” è stato scelto da Mirca Viola per la colonna sonora del film “Cam girl” e vanta la collaborazione di grandi vocalist del panorama gospel di New York City, da Angela Watson-Modeste a Bernice Sista B Harley fino a Liseli Lugo. Quale parte di te pensi venga fuori prepotentemente da questo pezzo? E perché, secondo te, era perfetto per il lungometraggio?

È chiaro che un’ambientazione così forte come la città di New York e le voci nere delle vocalist  non potevano che sottolineare il mio amore per quel tipo di background e di sound. “The cage” è una canzone che ho scritto insieme a Gigi Rivetti e Fabrizio Consoli ed è stata composta prima del mio incontro con Mirca Viola, la regista del film “Cam Girl”. Penso che l’immagine della gabbia dorata a cui la mia canzone rimanda si sposi bene con la storia delle quattro protagoniste del film. L’attrazione fatale per il denaro e per i facili compromessi si rivelano delle prigioni e, nel momento in cui si cerca di volare via, la verità si rivela molto amara.

 

Progetti futuri?

A breve uscirà il remix di “The Cage” firmato da Jeffrey Jey, voce degli Eiffel 65, di cui ci sarà anche un nuovo videoclip. Prossimamente, poi, ci saranno novità relative all’uscita del mio nuovo album. “The cage”, infatti, è il primo singolo di un lavoro di 11 tracce di cui anticipa le sonorità spiccatamente black e R’and B. Dopo aver lottato contro le mie gabbie ora sono pronta per spiccare il volo.