Home Coppia Intimità Asessualità, origini e cause di un fenomeno

Asessualità, origini e cause di un fenomeno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30
CONDIVIDI

L’assessualità, un fenomeno sociale che continua a crescere

L’asessualità, ossia l’assenza di desiderio sessuale, sta sempre di più guadagnando terreno rispetto a una società dove la sessualità è onnipresente. Si comincia a parlarne ed esistono siti militanti, studi sociologici e movimenti “a-libidici” che sostengono la causa.

coppia-letto-crisi-sex_650x447

Chi sono gli asessuali?

Gli asessuali sono astinenti sessuali volontari. Individui non emarginati o con particolari problemi psicologici, in altre parole uomini o donne normali che semplicemente non provano attrazione sessuale per nessuno.

Il fenomeno

Tutti (psicologi, giornalisti e sociologi) hanno una propria spiegazione per dare un’origine al fenomeno. La desacralizzazione del sesso e la sovraesposizione al porno sono due delle motivazioni date più ricorrenti. L’astinenza diventa motivo di orgoglio e smette di essere causa di vergogna.

Tutto dovrebbe accadere tra i 6 e i 10 anni, in cui si entra in un periodo di esplorazione curiosa e istintiva della propria sessualità. Le persone che per svariate ragioni si rifiutano di crescere e, di conseguenza, hanno paura dei propri sogni erotici decidono di reprimere tutte le pulsioni in questa direzione.

Gli asessuali non fanno l’amore, ma possono masturbarsi più che altro per una necessità fisiologica.

In generale, l’asessualità può durare tutta la vita per gli individui che veramente non provano nessuna pulsione sessuale. Per le persone che respingono inconsciamente il desiderio, una terapia psicologica può essere la strada giusta per risvegliarne la libido assopita.