Home Matrimonio

Idee matrimonio: segnatavolo fai da te

CONDIVIDI

Segnatavolo matrimonio con la string art – Un’idea creativa ed originale per numerare i tavoli nel giorno del tuo matrimonio. Impara a farlo tu stessa, magari facendoti aiutare dalle amiche, utilizzando la tecnica della string art!

Immagine

Realizzare un segnatavolo con la string art è certo un procedimento un po’ laborioso, ma assolutamente non difficile o proibitivo; i passaggi per completare la creazione non sono pochi, perciò assicuratevi di avere tempo sufficiente e magari qualche paio di mani in più che vi aiutino a portare a termine questa impresa creativa in tempo per il giorno del vostro matrimonio. Un’idea puo’ essere quella di invitare a casa le amiche per un the e poi… incastrarle a piantare chiodi e annodare filo per tutto il pomeriggio. Con le amiche, quelle vere, si puo’ giocare un po’ scorrettamente, non se la prenderanno!

Materiale necessario:

– Placca di legno;

– Martello;

– Piccoli chiodi con la testa;

– Filo di lana;

– Puntine da disegno;

– Scotch carta;

– Tinta per il legno (facoltativo);

– Numeri stampati.

string art 1

Dipingi la placca in legno del colore che preferisci, questo è un azzurro che è stato precedentemente mischiato ad un bianco.

string art 2

Dopo aver fatto asciugare il colore, ritaglia i numeri stampati e posizionane uno al centro della placca, fermandolo con lo scotch.

string art 3

Inizia a bucherellare il perimetro del numero con la puntina, lasciando dei buchini visibili sul legno a circa un centimetro – un centimetro e mezzo di distanza l’uno dall’altro.

string art 4

Pianta i chiodini sul tracciato che si è creato.

string art 5

Ora la parte divertente: metti il filo; assicura un capo al primo chiodino e inizia ad intrecciare, ricordando sempre di mantenerlo leggermente in tensione perchè non venga giù.

string art 6

Quando sei soddisfatta dell’intreccio, sempre tenendo tirato il filo, fai un nodo intorno alla testa del chiodo, taglia e… voilà! Il segnatavolo è servito!

string art 8

Fonte foto: Something turquoise