Home Attualità

“RAGAZZINE IN SHORT, VI SIETE VISTE?” L’articolo che ha fatto infuriare le donne

CONDIVIDI

Un articolo sul Secolo XIX ha scatenato l’ira delle donne – L’articolo è uscito nelle pagine di “cultura” del giornale ligure Il Secolo XIX con la firma di Marco Cubeddu e, con ironia o sarcasmo non si è riuscito bene a capire, si affronta il tema delle adolescenti in mini shorts. Il giornalista scrive che la città è invasa da ragazzine vestite, o meglio “svestite” così e si permette di discutere fra sé e sé chiedendosi: “[…] E, pur prendendo le distanze da ogni inqualificabile molestia, la questione rimane: perché le ragazzine si vestono così da sgualdrine? […] Ma non capisco perché una ragazzina dovrebbe voler apparire in questo modo. Cosa pensano di ottenere?” (per l’articolo completo http://www.ilsecoloxix.it/p/cultura/2013/07/01/APvyOAsF-cubeddu_ragazze_shorts.shtml)

In poco tempo l’articolo ha fatto il giro del web scatenando reazioni soprattutto da parte delle donne. Su “Giulia Globalist” – giornaliste,unite, libere autonome – si legge la dura replica da parte della segretaria del sindacato ligure, Alessandra Costante, e della coordinatrice Cpo Fnsi, Donatella Alfonso: “Ancora oggi le cronache – vere – dall’Italia riportano due donne uccise. A questo punto, una frase del genere, specchio degli stereotipi più biechi, non solo stride, ma fa male. E ripugna l’idea che ancora si possa fare dell’ironia sulla violenza alle donne e sulla “provocazione” che gli abiti femminili, indossati a qualunque età, possano costituire per i presunti maschi cacciatori.[…] E soprattutto, al di là della diretta responsabilità di chi firma l’articolo, che francamente non fa ridere e non riesce neppure a provocare, c’è da chiedersi che tipo di informazione si pensa di fare gettando in prima pagina i peggiori e più stupidi stereotipi. Che su menti poco allenate, possono anche fare presa”. Per l’articolo integrale à http://giulia.globalist.it/Detail_News_Display?ID=58012&typeb=0

Per tutte le storie di CheDonna e il Sociale CLICCA QUI