L’HO UCCISA PERCHE’ L’AMAVO: il libro a tolleranza zero

Un libro di denuncia scritto dalle donne per le donne – E’ scritto a quattro mani, da due donne di spessore come Michela Murgia e Loredana Lipperini, ed è un libro che vuole dire basta al femminicidio. In un’intervista rilasciata al settimanale Tu Style, l’autrice Michela Murgia dice: “Ufficialmente tutti deplorano le conseguenze, cioè la donna morta. In realtà ci sono molte sfumature di tolleranza. Prendiamo Marie Trintignant, massacrata nel 2003 dal compagno Bertrand Cantat, leader dei Noir Desir. Di lei si sottolinea la vita privata molto irrequieta, i quattro figli da tre padri divers, l’aver dato volto, al cinema, a donne inaffidabili e fuggitive. Di lui si dice che è amico di Manu Chao, impegnato a favore dei sans papier. […] Il sottotesto è: a che punto deve averlo portato per esser ecolpita in quel modo? C’è il tentativo di sottrarre la violenza alal razionalità. […]”

Continua poi agguerrita: “Il delitto d’onore, cancellato dal nostro codice penale, non è scomparso dalla mentalità collettiva. Un questionario distribuito in tre licei del cagliaritano ha dato risultati sorprendenti. In caso di tradimento 5 ragazzi su 10 pensano che la violenza sia accettabile“.

L’intervista integrale su Tu Style numero 21. – Intervista di Rosellina Salemi –

Per tutte le storie di CheDonna e il Sociale CLICCA QUI