Home Attualità

CARO AVVOCATO: azione di disconoscimento della paternità a seguito di tradimento della moglie

CONDIVIDI

L’avvocato Sara Testa Marcelli risponde:

Nel nostro ordinamento giuridico si presume legittimo il figlio nato durante il matrimonio, intendendo anche quello nato non prima di centottanta giorni dalla celebrazione e non dopo i 300 giorni dallo scioglimento o annullamento del matrimonio.

Questa presunzione ammette però la prova contraria da parte del marito che agisca giudizialmente per disconoscere la paternità del minore a seguito di certo tradimento da parte della moglie. L’azione si propone entro 1 anno dalla scoperta o della conoscenza da parte del marito del fatto che il minore non sia il proprio figlio

Nel caso in cui il tradimento sia scoperto prima della nascita del figlio, il termine per la proposizione della domanda di disconoscimento del medesimo, atteso che  è comunque da ravvisarsi nel giorno della nascita del bambino, e non da quella di raggiunta certezza, negativa sulla paternità biologica, della mancata esistenza di un legame di sangue tra padre e figlio.