TEATRO: Fibre Parallele a Roma con ‘Duramadre’

Dopo tre anni la compagnia Fibre Parallele torna al Palladium con Duramadre, spettacolo che trae la sua prima ispirazione da La ginestra di Giacomo Leopardi e mette al centro della scena una crudele figura materna centrandola in una drammaturgia tra mito, favole e metafora.

In Duramadre questa figura femminile potente e crudele è alle prese con i suoi tre figli e la sua unica figlia chiusa in una gabbia. Novella Penelope la Duramadre tesse gli abiti per la sua prole senza riuscire mai a finirli, lasciandola così scoperta e debole, e biascicando uno strano argot frammisto di dialetto, latino e italiano cerca di insegnare loro che nella vita vale la legge del più forte.

Fibre Parallele deve il suo nome alla energia contenuta nelle fibre muscolari e alle personalità parallele dei suoi due fondatori, Licia Lanera e Riccardo Spagnulo, giovani attori, registi e drammaturghi pugliesi che hanno fondato la compagnia nel 2005.

di Riccardo Spagnulo
con Mino Decataldo, Licia Lanera, Marialuisa Longo,
Simone Scibilia, Riccardo Spagnulo
voce Rossana Marangelli
costume Luigi Spezzacatene – Artelier Casa d’Arte Bari
luci Giuseppe Dentamaro
realizzazione scene Mimmo e Michele Miolli, Modesta Pece
assistenti alla regia Elio Colasanto, Rossana Marangelli
regia e scene Licia Lanera

produzione Fibre Parallele
in coproduzione con il Festival Internazionale Castel dei Mondi di Andria e il Festival Operaestate di Bassano del Grappa
con il contributo della Regione Puglia
con il sostegno di Res Extensa, Ass. Cult. Explorer,Es. Terni Festival, PimOff

21 e 22 marzo ore 20.30

Fonte: romaeuropa.net