LA DIFFICOLTA’ DI ESSERE MADRI: il figlio down non può avere la cittadinanza italiana

Getty Images

E’ down e quindi non può avere la cittadinanza italiana – La notizia è comparsa qualche settimana fa su varie testate nazionali e, immediatamente, è rimbalzata nel web: da Facebook a Twitter, passando per i blog di personaggi conosciuti nel mondo dello star system. Quello di cui stiamo parlando è il caso di una donna e, soprattutto di una madre, Gloria Ramos, colombiana, e di suo figlio Cristian (romano, ma il padre non lo ha riconosciuto) residenti in Italia.

Proprio sull’argomento della cittadinanza sorge un problema: Cristian, 18 anni, nato e cresciuto a Roma, non può diventare cittadino italiano perchè ha la sindrome di down. Come si legge sul blog del Corriere della Sera, la signora ha ricevuto due risposte negative: la prima all’anagrafe e la seconda in prefettura dove, i funzionari, hanno ammesso l’esistenza di un buco legale a riguardo. In parole povere l’incapacità mentale di Cristian che limita la sua possiblità di intendere e volere fanno sì che lui, essendo per di più straniero, non possa manifestare in modo autonomo la propria volontà di avere la cittadinanza italiana.

Ovviamente la signora Ramos, con l’aiuto del “Telefono D” dell’associazione italiana persone down hanno fatto ricorso al Tar appellandosi proprio all’articolo 18 della Convenzione Onu per i diritti delle persone con disabilità che stabilisce che: ” il diritto alla cittadinanza non può essere negato per motivi legati alla disabilità”.

Clicca QUI per vedere tutti gli articoli di Che Donna e il Sociale

Da leggere