SYLVESTER STALLONE SHOCK: abusò della sorella?

Sylvester Stallone (GettyImages)

Sylvester Stallone diede 2 milioni di dollari alla sorella: per coprire un abuso o perché ricattato? – Due milioni di dollari più un generoso vitalizio di 16mila dollari al mese e  un trust di 50 mila dollari l’anno per spese mediche: donazioni generose seppur fatte da fratello a sorella. Questa sarebbero infatti le cifre stanziate dal celebre attore Sylvester Stallone in favore di Toni-Ann Filiti, sua sorellastra morta la scorsa estate all’età di 48 anni per un cancro ai polmoni.

Il grande movimento di denaro ha impensierito anche i meno sospettosi e il primo a darne una spiegazione ragionevole seppur terribile è stato il New York Post. Secondo la celebre testata Stallone investì questo denaro per mettere a tacere la sorella, la quale minacciava di denunciarlo per, niente meno che, molestie sessuali. L’attore avrebbe insomma abusato della sorella tentando poi di metterla a tacere seppellendola letteralmente sotto una montagna di banconote.

A smentire però questa terribile voce è giunta Jacqueline Stallone, madre sia dell’attore che Toni-Ann, pronta a giurare che per questo strano giro di denaro è da incolpare la figlia e non il figlio: Toni-Ann era infatti vittima di una fortissima dipendenza da farmaci e avrebbe così estorto denaro a non finire al fratello.

Ricatto allora o abuso sessuale? La domanda resta ad oggi ancora aperta.