Home Attualità

LIBRI: ‘Il club dei ricordi perduti’

CONDIVIDI

Stavo leggendo Il libraio.it ed ho scoperto un libro interessante, ovvero ‘Il club dei ricordi perduti’. Ve lo propongo assieme all’estratto dell’autrice Ann Hood.

Quando andavo a scuola, prendevo spesso ottimi voti in Storia e Letteratura. In verità, in tutte le materie, tranne in “Cucito”, che però era una materia obbligatoria. Alla fine dell’ultimo un anno, feci una promessa con me stessa: «Non avrai mai più a che fare con nessun tipo di lavoro manuale». E ho mantenuto quella promessa per molti, moltissimi anni. Fino all’inizio del 2002, quando mia figlia Grace di cinque anni è morta improvvisamente per una virulenta forma di streptococco. In quei giorni così bui, le mie consuete fonti di conforto – leggere e scrivere – non servivano proprio a nulla perché non riuscivo a concentrarmi. Per caso, alcuni miei amici mi suggerirono di provare un metodo alternativo per dare sollievo al mio cuore spezzettato e dolorante: lavorare a maglia. E così, con mia grande sorpresa, nonostante la promessa fatta molti anni prima, mi iscrissi a un corso per imparare. Nel giro di pochissimo, il lavoro a maglia è diventata la mia ancora di salvezza. Non solo ha calmato il mio dolore e curato le mie ferite, ma mi ha permesso di crescere e apprezzare tutte le donne che seguono abitualmente corsi di maglia. Il ticchettio dei nostri ferri, la rassicurante e calda sensazione della lana fra le mani e la combriccola che si è formata dall’unione di molti fili di lana, hanno dato vita a un’atmosfera che mi ha coccolata e, col tempo, guarita.

Un giorno stavo lavorando a maglia tranquillamente seduta nel salotto di casa mia quando, all’improvviso, mi è venuta l’idea per il mio romanzo Il club dei ricordi perduti. Mi sono detta: E se scrivessi qualcosa su quello che mi è accaduto? E se riuscissi a unire il mio amore per il lavoro a maglia alla mia passione per le storie? Anche se non volevo raccontare direttamente la mia esperienza, desideravo fortissimamente esplorare il duro viaggio che dal dolore può portarti a riscoprire la speranza e la gioia.Cosa succederebbe se il mio personaggio principale, Mary, perdesse il suo unico figlio? Quanto diventerebbe difficile il suo cammino? E se entrasse a far parte di un «club» dedicato al lavoro a maglia, composto da donne che si aiutano vicendevolmente a superare gli ostacoli più difficili della vita? Dopo essermi fatta queste domande, ho tirato fuori il mio quaderno – chiuso da tempo in un cassetto -, e ho iniziato a scrivere di getto le emozioni che associo direttamente al dolore: tristezza, rassegnazione, rabbia, senso di colpa, speranza, amore, paura… Partendo da lì, ho dato vita al mio club di lavoro a maglia immaginario, associando a ogni personaggio una di queste sensazioni: Scarlet rappresenta il senso di colpa; Ellen la speranza; Beth l’amore… Poco alla volta, il mio club si è riempito di donne che, come me, hanno bisogno di imparare a lavorare a maglia e, ancor più, di condividere le proprie storie per poter trovare almeno un po’ di sollievo dal dolore.