Home Attualità

AUTISMO: una molecola potrebbe aiutare

CONDIVIDI

Scoperta potenziale cura per l’autismo – Sono numerosissimi in tutto il mondo i genitori con figli affetti da autismo, una variazione del funzionamento dei neuroni che rende il percorso di crescita più duro di quanto già non sia. Questi genitori si dimostrano spesso davvero eroici e garantiscono ai figli un supporto e un affetto ininterrotto: l’imprevisto insomma non li rende meno amorevoli ma forse l’opportunità di alleviare, se non risolvere del tutto il problema potrebbe renderli ancor più felici, rappresentando per i loro figli una nuova possibilità per il futuro.

Questa speranza arriva da un ricercatore italiano dell’Istituto Italiano di Tecnologia, Daniele Piomelli, docente anche all’Universita’ di Irvine, in California: lo studioso ha infatti “scoperto con la sua equipe come agisce sul cervello una molecola che potenzialmente potrebbe innescare, come dimostrano gli studi su topi geneticamente modificati, una azione ”correttiva”, normalizzando il funzionamento dei neuroni” (fonte: Ansa).

Un grande passo avanti nella conoscenza dell’autismo, sindrome che conserva ancora numerosi lati oscuri e la cui miglior comprensione potrebbe senza dubbio aiutare anche i genitori più amorevoli. I progressi del resto fanno piacere anche quando l’affetto non manca e si convive in armonia.

CLICCA QUI PER TUTTI I CONSIGLI SULL’ESSERE MAMMA!