ERGASTOLANO DIVENTA DONNA: la prigione paga l’operazione

Michelle Kosilek, precedentemente conosciuta come Robert, sta scontando una condanna a vita per aver ucciso, nel 1990, sua moglie Cheryl. Robert – Michelle ha già effettuato in questi 12 anni un trattamento ormonale e ora vive come una donna in un carcere maschile.

Michelle ha ottenuto dal giudice federale Mark Wolf che il carcere del Massachissets in cui sta scontando la pena paghi l’operazione di cambiamento di sesso.

Lo stesso giudice aveva in passato rifiutato più volte sia il pagamento dell’operazione in questione che di una terapia di depilazione. Mark Wolfe, aveva commentato che non aver accolto la preghiera del prigioniero trans non avrebbe causato ‘un serio danno’.

Ma l’avvocato di Michelle sostenne che si trattasse di una seria richiesta medica, aggiungendo che Kosilek era sospettato di aver già tentato il suicidio due volte. Il giudice Wolfe aveva quindi ventilato la possibilità di poter rivedere la disposizione.

Così è stato, ora Robert diventerà definitivamente Michelle e una domanda nasce spontanea: verrà spostata in un carcere femminile?

Fonte: Repubblica.it, queerblog.it