AMORE VIRTUALE: occhio ai ricatti

Spogliarsi in rete è spesso l’inizio di un ricatto – Un computer, una chat e una webcam, a volte basta questo per ritrovarsi invischiati in un circolo senza fine di ricatti.

Proprio a tale gravoso problema Le Monde ha dedicato un suo speciale, facendo emergere come simili situazioni siano più diffuse di quanto si possa pensare.

Sono molti infatti coloro che non si sentono amati o apprezzati e quindi cadono facilmente nel tranello di chi, mettendoli inizialmente a proprio agio, vuole in realtà solo ricattarli: solitamente si inzia con approci simpatici, volti a guadagnare la fiducia del malcapitato, e poi si passa alla fatidica dmanda ” fammi vedere come sei, spogliati!”. E da lì è tutta discesa: infatti, dall’altra parte della webcam, si preme un tasto e, quello che dovrebbe essere un semplice momento “virtuale” privato, diventa improvvisamente un filmino hard.

Proprio questo sarà l’oggetto del ricatto: per non diffondere le immagini si chiederanno infatti investimenti, anche cospiqui, via Paypal o Western Union per destinatari situati in Africa o nei paesi dell’ex Unione sovietica.

Situazioni scabrose insomma, che purtroppo a volte hanno conseguenze davvero estreme: ben due suicidi sono stati registrati in Francia in seguito a tali ricatti e la storia si fa così sempre più torbida.

Occhio allora a non cedere alle seduzoni del web: l’eros è sempre meglio live!

CLICCA QUI PER LE ALTRE NEWS SUL SESSO!