Home Attualità

IDEE PER LA CASA: 6 regole d’oro per purificare l’aria

CONDIVIDI

La primavera ha già bussato alle nostre porte, per cui più è semplice rinfrescare l’aria di casa. Infatti, si può arieggiare gli spazi interni lasciando le finestre aperte più a lungo. Sapete perché è importante mantenere gli ambienti della casa depurati? Niente paura, se non conoscete la risposta, ve la diamo noi, così potrete seguire semplici regole per evitare fastidiosi malesseri e vivere il  clima primaverile con la giusta energia e vitalità!

I nemici dell’aria

L’ambiente insalubre di una casa può essere generato da diversi fattori che possono provenire dalle persone, dai nostri tessuti o dall’esterno. A volte si tratta di cause impercettibili, invisibili e perfino insospettabili. Eccone alcune:

1) temperature e tasso di umidità elevati possono favorire la proliferazione dei microrganismi dannosi presenti nell’aria;

2) la polvere che, oltre a depositarsi sulle superfici, sfrutta le correnti d’aria come proprio veicolo;

3) i detersivi chimici possono contaminare l’aria, soprattutto se gli ambienti non sono ventilati dopo il loro uso;

4) acetone, ammoniaca e alcool producono sostanze irritanti per occhi e per le vie respiratorie;

5) l’inquinamento esterno.

Tra le conseguenze dovute al microclima insano ci sono allergie, irritazioni e fastidi generici che svaniscono una volta usciti di casa.

Come evitare l’aria insalubre?

Per prevenire o risolvere questi problemi, è possibile prendere alcune precauzioni:

1) utilizza depuratori o deumidificatori per purificare l’aria;

2) posiziona in casa alcune piante per depurare l’aria in modo naturale;

3) passa l’aspirapolvere su tutte le superfici almeno una volta ogni due giorni;

4) indossa tessuti naturali, perché quelli sintetici sono elettrostatici e quindi attirano e trattengono maggiormente la polvere;

5) arieggia spesso le stanze e cerca di far entrare più luce solare possibile;

6) dipingi le pareti con l’idropittura, una vernice speciale ecologica buona per l’ambiente e soprattutto per l’apparato respiratorio.