Home Attualità

LIBRI: Le pupe ci sono o ci fanno?

CONDIVIDI

Appena uscito il primo libro di un concorrente de LA PUPA E IL SECCHIONE! Finalmente avrete la Risposta all’ormai famoso dilemma cerebrale finora rimasto irrisolto: Le pupe ci sono o ci fanno?

E poi:
Qual’è il percorso che porta a realizzare un sogno che fa rima con reality? Come si svolgono i provini per un reality show? Che cosa chiedono gli autori? Cosa si prova ad affrontare il grande pubblico, ad essere catapultati nello studio del GF da protagonista? Cosa spinge una persona timida e riservata ad affrontare un’avventura così fuori dall’ordinario? E come cambia la vita di una persona che fino a pochi istanti prima di varcare la fatidica soglia del mondo dello spettacolo era un perfetto sconosciuto?

Queste ed altre domande e risposte nel coraggioso libro autobiografico di Roberto Cavazzoni, UN SECCHIONE, un inventore, un uomo che ha trovato la forza di descrivere la propria vita con il non convenzionale aiuto della tv senza rinunciare a se stesso e di riportarla in un libro-verità Il sogno diventa reality che merita di essere letto.

Sinossi del libro
Roberto Cavazzoni è un inventore, un sognatore, un ragazzo timido e semplice con una vita così fuori dall’ordinario, che a un certo punto sente la necessità di una svolta personale per riscattarsi da un’esistenza passata nell’ombra della rinuncia. L’opportunità gli si presenta davanti agli occhi il 7 settembre del 2006, con la messa in onda di un insolito reality show su pupe e secchioni. Da quel momento per il secchione inventore comincia il percorso che lo porterà a realizzare il sogno più incredibile di sempre: diventare protagonista di uno dei programmi più seguiti e controversi della televisione. Roberto Cavazzoni nasce l’8 settembre del 1976 a Guastalla e risiede a Gualtieri, Reggio Emilia, dove vive da sempre con la famiglia. Sin dalla tenera età dimostra un innato interesse per l’elettronica e la tecnologia. Conseguito il diploma tecnico a Parma, capisce che la sua strada di vita, pur dedita allo studio, è al di fuori degli ambienti accademici e decide di dedicarsi completamente alla ricerca indipendente. Poco più che ventenne deposita il suo primo brevetto d’invenzione. A 30 anni si prefigge di diventare concorrente del celeberrimo reality show che vede protagonisti pupe e secchioni, e quasi 4 anni dopo, il 31 marzo 2010, finalmente ci riesce.