Home Attualità

CASA: In regola col CATASTO

CONDIVIDI

In regola col catasto per vendita o affitto casa – In caso stiate vendendo casa o cercando di affittarla bisognerà arrivare preparati bene al momento del rogito, perché anche una piccola svista potrebbe far saltare tutto.

E’ consigliato infatti di fare tutte le verifiche in sede preliminare, iniziando dalla regolarità edilizia, nella quali i dati catastali e quelli della planimetria dovranno corrispondere, altrimenti si rischia che davanti al notaio gli atti di vendita potrebbero venire annullati, rendendo difficile anche affittare casa.

I contratti di compravendita, secondo l’art. 19 del dl. 78/2020, devono contenere, pena la nullità, tre dati essenziali, ossia dati catastali, il riferimento alle planimetrie depositate in catasto e una dichiarazione da parte dell’intestatario che afferma che la situazione reale dell’immobile non è variata.

Un esempio? Per un appartamento di circa 100mq dovrete calcolare circa un 1.500 euro di pratiche e se tutti è in ordine non ci vorranno più di quindici giorni, la cosa migliore poi è affidarsi a un geometra o architetto.

In caso invece di modifiche da segnalare, se avete fatto delle variazioni all’interno di casa, tipo chiusura di un balcone o costruzioni di una mansarda oppure se avete ereditato l’immobile e non siete ancora in possesso di una piantina, questo comporterà la presentazione di una nuova rendita catastale.

Se non si aggiornano i dati di chi ha effettuato le variazioni alla casa si rischierà di dover pagare multe più tutto il lavoro che dovrà fare un professionista per la messa a punto della nuova planimetria dell’alloggio, ma attenzione ci sono dei casi in cui non è necessario comunicare la variazione.

Se la modifica dell’immobile infatti riguarda soltanto un tramezzo o una porta interna e i vani non vengono alterati, come tanto meno la destinazione d’uso, allora la variazione al catasto non servirà.

PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI SULLA CASA CLICCA QUI