Home Attualità

Alla scoperta di EL HIERRO nelle Canarie

CONDIVIDI

Scopriamo El Hierro nelle Canarie – Lava che scorre sotto il mare, boschi con rami contorti e spiagge con sabbia rossa, forse un posto così possono soltanto immaginarlo i bambini nei loro sogni, dove accadono cose incredibili, quasi da film.

El Hierro invece esiste davvero e si trova nell’arcipelago spagnolo delle Canarie, in mezzo all’oceano atlantico, dove non ci va tanta gente per il semplice fatto che non ci sono spiagge lunghe e comode e per fare il bagno ci si tuffa in splendide piscine naturali scavate nella roccia, dal mare stesso, ma proprio questo la rende speciale.

Le poche spiagge sono di sabbia nera e una addirittura è rossa e si chiama Restinga e tutti sanno indicarvela.

A El Hierro succede cose strane come in un isola fantastica, infatti c’è un vulcano sottomarino che ogni tanto si sveglia e dà vita a delle eruzioni subacquee, che cambiano le sfumature dell’Oceano, gli esperti dicono che non è pericoloso però logicamente fa una certa impressione ammirare lo spettacolo dalle colline dell’isola.

I vulcani a El Hierro sono dappertutto pensate che è poco più grande dell’isola dell’elba, ma ci sono più di 500 crateri aperti, che si possono vedere da vicino grazie alle guide, che raccontano allo stesso tempo storie interessanti sulla nascita dell’isola e sulla sua natura.

Entro pochi anni l’isola funzionerà soltanto con energie rinnovabili, sole, acqua e vento, un vero record insomma.

Da visitare l’Ecomuseo de Guinea e Lagartario, dove esiste un centro di recupero per lucertole giganti, alcun lunghe 70cm, simpatiche, ma che non si possono accarezzare, in quanto potrebbero prendere delle malattie dagli uomini e infine il Faro di Orchilla, ormai senza guardiano, detto il punto che rappresenta la fine del mondo.

Per arrivarci si vola dall’Italia fino a Tenerife, per poi prendere dei voli interni che in 40 minuti ti portano a destinazione.