Home Attualità

CASA: la CERAMICA antica resa MODERNA

CONDIVIDI

La ceramica realizzata come una volta – Esistono delle botteghe a Burgio, in un piccolo borgo dell’entroterra siciliano, che lavorano la maiolica, come vuole la tradizione secolare, creando oggetti d’arte e di uso comune, grazie a un progetto di recupero delle botteghe e della cultura artigianale.

La notorietà delle sue ceramiche non porta a capitare per caso in questo centro medievale fortificato e poi feudo, situato a balcone sulla Valle del Sosio Verdura, che conserva un impianto urbanistico islamico e numerose testimonianze di epoca barocca.

Originariamente queste botteghe producevano oggetti molto semplici e vasellame in terracotta per la buona qualità dell’argilla che si trovava in loco, con forti influenze dello stile, della tecnica e dei colori tipici della maiolica caltagironese.

Ben presto i maestri ceramisti riuscirono a formarsi uno stile autonomo, con colori e temi caratteristici, dove il colore che predomina è il verde ramina e i contorni secchi in manganese, giallo paglierino, blu slavato e il violaceo, alcuni sono smaltati con gli stessi elementi usati sin dal XVI secolo.

Tipico disegno delle ceramiche è il fogliame minuto, motivi a lisca e medaglioni, testine ben disegnate e putti alati e alberelli, non meno interessanti sono i vasi da farmacia, mattonelle murali e pavimenti maiolicati oltre a bicchieri, brocche, pignatte e lampadari.

La straordinaria modernità dei modelli e delle decorazioni ancora stupisce e incanta, semplice ed efficace, istintiva e attraente, tanto da essere accolti nel museo della ceramica, gestito molto affettuosamente da donne.

Vi segnaliamo alcuni laboratori ancora attivi come quelli di Paolo e Giuseppe Caravella e dei fratelli Arcuri, dove il tornio ancora viene fatto girare con i piedi e viene usata la “balata”, dove viene impastata la creta.

PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI SULLA CASA CLICCA QUI