Home Attualità

PUGILE MASSACRA UNA DONNA e va in istituto

CONDIVIDI

A Milano un pugile uccide a pugni una filippina – Tutto accadde ad Agosto del 2010 quando questo ragazzo ucraino Fedchenko, un pugile, uscendo di casa, incontra per strada una donna filippina, Emlou Avesu 41 anni.

Senza motivo la scaraventa contro una vetrina riempiendole il viso di pugni, continuando a picchiarla anche dopo che la ragazza era caduta a terra, uccidendola.

Uccisa con pugni al volto inferti con brutale violenza e precisione, la donna filippina muore, ma nonostante questo il giudice dispone per il pugile omicida, 5 anni in un ospedale psichiatrico, in quanto affetto da una schizofrenia paranoide.

La perizia svolta sull’uomo dal professore Ambrogio Pennati, indica Fedchenko totalmente incapace di intendere e di volere al momento dell’uccisione, di conseguenza è stato trasferito dal carcere direttamente all’ospedale psichiatrico giudiziario.

VIDEO NEWSLETTER