Home Attualità

TRASLOCARE, PICCOLI CONSIGLI.

CONDIVIDI

Come effettuare un trasloco e uscirne vive.

Sicuramente prima o poi nella vita vi capiterà di fare un trasloco o per motivi di studio o per motivi di lavoro, in un’altra città o perché Cupido ha scoccato la sua freccia troppo lontano dalla vostra città natale.

In quel momento vi dovrete far trovare preparati e armati di pazienza e tempo a disposizione, perché traslocare significa sostanzialmente spostare da un posto ad un altro tutta la vostra vita, ricca, anzi sovraffollata di oggetti, che nel corso degli anni avete acquistato.

Ora potere scegliere se fare un trasloco fai da te o se affidarvi direttamente ad una ditta specializzata in traslochi.

In caso di trasloco fai da te la prima cosa importante è stilare una lista, assolutamente redatta qualche mese prima dell’operazione, nella quale si devono elencare tutti gli oggetti e i mobili del trasloco, lasciando uno spazio accanto, dove verrà segnato, alla fine del trasloco, lo scatolone di riferimento.

La seconda fase è andare alla ricerca di tutti i materiali e gli strumenti necessari per imballare comodamente oggetti/mobili.

-Scatoloni resistenti di varie misure, chiedendo a qualche negoziante o al supermercato.

-Carta o etichette e pennarelli per poter segnare ciò che andrete ad inserire nelle varie scatole.

-Scotch ultraresistente con forbici o cutter.

-Carta di giornale o pellicola pluriball per avvolgere tutti i vostri oggetti più delicati.

-Giraviti e utensili vari per smontare i vostri mobili con sacchetti in cui inserire i pezzi più piccoli.

Alcuni consigli utili per l’imballaggio sono ad esempio di scrivere FRAGILE all’esterno degli scatoloni in cui inserirete i vostri oggetti più delicati, avvolgere con più strati di carta tutto ciò che è veramente delicato, non appesantire troppo gli scatoloni, magari con troppi libri, rischiando di fare qualche strappo alla schiena.

Ricordatevi inoltre di fare etichette di colore diverso per gli oggetti di ogni stanza, per poterli posizionare direttamente, una volta a casa nuova, nelle rispettive stanze.

Sarà importante anche assicurarsi di non lasciarsi dietro delle incombenze burocratiche che a lungo andare potrebbero rivelarsi una vera seccatura.

Quindi disdire le utenze di luce, gas, internet/telefono, acqua e rifiuti, trasferire la corrispondenza al nuovo indirizzo e nel caso di cambio di città, ricordarsi di cambiare residenza al momento dell’arrivo nel nuovo comune e di rivolgersi alla ASL di riferimento per richiedere il medico di base.