Home Attualità

LA DONNA DEL GIORNO: Natalie Wood

CONDIVIDI

L’ATTRICE INQUIETA – Care lettrici, oggi vi parliamo di una donna bellissima, inquieta e molto triste. Era una star del cinema molto amata ed apprezzata. Sono passati 30 anni dalla sua tragica ed ancora inspiegabile morte. Noi oggi la vogliamo ricordare, percorrendo insieme a voli la strada della sua vita tutt’altro che serena.

Natalie Wood, pseudonimo di Natalija Nikolaevna Zaharenko nasce il 20 luglio 1938 a San Francisco da una famiglia di artisti emigrati dalla Russia. Natalija, fin da piccina, balla con grande talento, tanto da essere notata da Irving Pichel che la fa debuttare nel 1946 in “Non c’è due senza tre” (due anni prima compare in “Happy Land”). La piccola, che in questi anni vive con la famiglia a Santa Rosa, già all’epoca pare una vera star. La leggenda narra che fu sua madre a intuire il talento della ragazza e si trasferisce a posta a Hollywood. Dopo qualche anno la carriera della piccola Natalie Wood decolla.

Il suo successo prende il via con “Gioventù bruciata” nel quale interpreta con partecipazione la studentessa incompresa che si innamora di James Dean nel giro di una notte. I ruoli successivamente assegnati all’attrice, le permettono di liberarsi dal personaggio che l’aveva resa famosa e di mostrare una crescente maturità artistica. Natalie Wood fa parte di quel genere di attrici che ha avuto una maturazione “pubblica”, nel senso che lo spettatore, si potrebbe dire, l’ha praticamente vista crescere sullo schermo: è stata infatti la giovane rapita dai pellerossa in “Sentieri selvaggi” (1956, con John Wayne), la spensierata ragazza di tante commedie (e del musical “West side story”) e la protagonista, ormai donna, di melodrammi come ad esempio “Splendore nell’erba”, “Strano incontro”. Nel 1958 recita insieme a Frank Sinatra e Tony Curtis nel drammatico “Cenere sotto il Sole. Attacco in Normandia”.

La bell’attrice raggiungerà fama e credibilità durature, però, accanto allo sconosciuto Richard Beymer, coprotagonista di “West Side Story” (1961) di Robert Wise, considerato uno dei migliori musical di sempre. Si tratta di una sorta di “Giulietta e Romeo” del west end newyorkese, che narra la contrastata relazione tra Maria, sorella del capo della banda portoricana degli Sharks, e Tony, ex membro della gang anglo-americana dei Jets. Insignito di 10 Oscar (non consegnato, però, alla Wood, poiché doppiata nel canto, superata sul filo di lana dalla “Ciociara” Sophia Loren) viene ricordato per l’immortale colonna sonora, le coreografie innovative (del coregista Jerome Robbins), la magnifica ambientazione in esterni (la 68esima e la 110ma strada prima della demolizione). Dopo la conferma di un genuino talento drammatico in “Splendore nell’erba” (1961) di Elia Kazan, la Wood si cimenta in parti per lo più brillanti tra cui “La grande corsa”, 1965, di Blake Edwards, “Penelope la magnifica ladra”, 1966, di Arthur Hiller, “Io, Willy e Phil”, 1979, di Paul Mazursky.

VIDEO NEWSLETTER

Una tragica ed oscura morte per annegamento l’ha colta mentre stava lavorando in un film di fantascienza, “Brainstorm”, uno di quei film che con il tempo saranno sicuramente rivalutati. Non tanto per la traccia narrativa quanto per l’originalità dell’idea e la ingegnosità delle soluzioni cinematografiche . Il film uscirà postumo nel 1983 e vedrà la partecipazione dell’amico e attore Christopher Walken. Ed è proprio con lui e con il marito Robert Wagner quando, a bordo di un lussuoso yacht, la bella attrice è vittima di un misterioso incidente. Il 29 novembre 1981 muore annegata a soli quarantatre anni, cadendo dall’imbarcazione, lasciando i suoi fan con tanti quesiti irrisolti.  Seri interrogativi sulle dubbie circostanze della sua fine sono stati già posti dal televisivo “The Mystery of Natalie Wood” del cineastaPeter Bogdanovich. Proprio in questi giorni, dopo 30 anni dall’accaduto, è stata riaperta l’indagine basata sulla testimonianza del capitano dello yaht secondo la quale tra l’attrice, il marito e l’amico Christopher ci sarebbero state delle tensioni quel giorno. L’attrice  oggi riposa al Westwood Memorial Park, a Los Angeles.

PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI DI ATTUALITÀ CLICCA QUI!

PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI DELLA SEZIONE LA DONNA DEL GIORNO CLICCA QUI!