Home Attualità

ROCCO SIFFREDI: “Se i miei figli vogliono dedicarsi al porno sarò il loro maestro”

CONDIVIDI

ROCCO SIFFREDI PARLA DEL MONDO DEL PORNORocco Siffredi, uno degli attori italiani più conosciuti nel mondo hard, parla del mondo del porno e del caso in cui i suoi figli volessero intraprendere la sua stessa carriera.

Prima di tutto definisce il sesso: Il sesso è come lo sport, più lo fai più lo faresti”.
 
Nel caso in cui i suoi figli volessero entrare nel mondo hard?: “Nulla da obiettare, in me troverebbero un amico e un maestro. Però lo devono fare non per imitarmi  o per guadagnare ma, come successe a me, per passione ed esuberanza sessuale. E non mi sembra sia il loro caso”.
Rocco racconta di aver avuto un grande desiderio sessuale anche nella sua vita privata: “Arriva perché mia moglie Rozsa è la donna che mi piace di più. Ma anche prima di lei è stato così. Ho avuto tre o quattro fidanzate serie, già facevo il pornoattore, eppure con loro la sera si faceva un sesso pazzesco. Pensi che sono stato lasciato da una ragazza inglese perché non reggeva i miei ritmi…”.
Siffredi racconta che nel momento in cui ha lasciato il porno ha avuto molti problemi: “Ero abituato a fare sesso cinque, sei ore al giorno e poi di colpo fine. Sono stato malissimo. Arrivavo a pensarci per ore. Mi sentivo uno schifo: guardavo la mia famiglia pensando di non meritarla. Ho toccato il fondo, stavo male di stomaco. Come per tutte le dipendenze, si vedono i deboli e i forti. Io ne sono uscito senza andare in clinica. E comunque mia moglie mi ha pregato di tornare sul set. Se sono diventato Rocco Siffredi è grazie a lei, che mi ha regalato, in 18 anni di matrimonio, la serenità perché potessi lavorare meglio”.