Home Attualità

OMICIDIO SCAZZI: è il giorno dell’accusa

CONDIVIDI

RIPRENDE IL PROCESSO SCAZZI – È ripreso al tribunale di Taranto il processo per la morte della giovane Sarah Scazzi. Oggi è il giorno dell’accusa e i pubblici ministeri potrebbero, al termine della requisitoria, chiedere il rinvio a giudizio di tutti i 13 imputati. In aula erano presenti anche la madre e figlia accusate d’aver ucciso la piccola Sarah, che durante la ricostruzione del pm hanno scosso più volte la testa in segno di disapprovazione. L’udienza ha avuto l’inizio con il gup Pompeo Carriere che ha affidato alla professoressa Paola Montagna, dirigente capo della Polizia Scientifica di Roma, l’esame della traccia biologica rinvenuta nel portabagagli dell’automobile di Cosima Serrano. Il gup ha poi lasciato la parola ai pm per la requisitoria.

Sono tredici le persone coinvolte a vario titolo. Sabrina e Cosima sono accusate di omicidio. Le due donne, inoltre, devono rispondere anche di occultamento di cadavere in concorso con Michele Misseri, non presente in aula,  il fratello Carmine e il nipote Cosimo Cosma. Presenti invece i quattro avvocati coinvolti.  Durante la requisitoria, il pm ha ricordato le contraddizioni emerse tra la versione dei fatti raccontata da Sabrina Misseri e il racconto della sua amica Mariangela Spagnoletti. L’accusa ha riportato le parole della ragazza, secondo la quale, dopo l’omicidio, incontrò Sabrina per la strada e non in veranda come invece aveva riferito la figlia di Michele e Cosima. Secondo Mariangela, inoltre, l’amica aveva gli occhi lucidi ed era molto agitata, tanto da portarsi le mani sul volto. Il pm ha poi parlato della lite avvenuta la sera prima dell’omicidio tra Sarah e la cugina Sabrina per colpa di Ivano Russo del quale entrambe si erano invaghite.  Durante l’udienza è stata ascoltata anche Cosima Serano. La donna ha fornito la sua versione dell’accaduto, però le sue parole non sono piaciute al magistrato che è andato su tutte le furie accusandola di essere falsa.

PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI DI ATTUALITÀ CLICCA QUI!

PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI DI CRONACA NERA CLICCA QUI!