Home Attualità

MALTEMPO in Italia ha creato non pochi disagi

CONDIVIDI

MALTEMPO SU TUTTA LA PENISOLA – È arrivato l’autunno. In tutta Italia le temperature si sono abbassate e non è mancata la pioggia. Il maltempo che domenica ha colpito il nord ha cominciato a scendere giù, colpendo anche la capitale su cui si è abbattuto un nubifragio che ha determinato anche la chiusura di alcune stazioni della metropolitana A. L’Atac ha organizzato un servizio di navette per garantire il collegamento tra le stazioni chiuse. Resta ancora inagibile la stazione Colli Albani. Infine, sulla Roma-Lido si registrano lievi rallentamenti per gli allagamenti dovuti sempre al maltempo,  mentre è regolare il servizio per il resto della rete. In nottata era stata interrotta anche la linea ferroviaria Termini-Giardinetti fra Ponte Casilino e Termini, per il malfunzionamento di un semaforo, ma alle 6,40 è stato ripristinato il servizio. Il temporale, accompagnato da una intensa attività elettrica, ha impegnato le squadre dei Vigili del fuoco in oltre 100 interventi. A Palermo un violento acquazzone ha mandato in tilt l’intera città. L’aeroporto Falcone-Borsellino è stato chiuso per 40 minuti a causa di un  tornado abbatutosi sulla città siciliana.

Al nord, in Trentino – Alto Adige, c’è stato il brusco calo delle temperature che ha portato addirittura la neve a quota mille. Per garantire la sicurezza ai cittadini sono stati chiusi i passi dello Stelvio, Giovo, Rombo e Pennes. Chiuso anche il passo delle Erbe in val Badia per la caduta di alberi. L’attrzzatura invernale i indispensabile per i viaggo in montagna, ha avvertito la Centrale viabilità di Bolzano. Sull’autostrada del Brennero la caduta di una frana di piccole dimensioni a nord di Bolzano durante la notte  ha causato temporanei disagi al trafico. Nella notte nelle località turistiche, dove fino a qualche giorno fa le temperature erano estive,  sono caduti diversi centimetri di neve.  Stamattina a Bolzano e Merano il termometro segna appena 8 gradi, appena 2 gradi a Vipiteno, 1 grado a Dobbiaco. Oltre i 2000 metri i valori sono preceduti da segno negativo. Primato di freddo con – 11 gradi ai 3.328 metri di Cima Beltovo sopra l’abitato di Solda dove fino a venerdì scorso la temperatura, anche notturna, non era mai scesa sotto gli zero gradi.

Il tempo cambierà già da oggi quando ci saranno i primi miglioramenti partendo dalle regioni settentrionali. Secondo le previsioni meteo della Protezione Civile, ci sarà marcata instabilità sulle regioni nord-orientali, centrali e meridionali, inoltre è previsto un sensibile calo del campo termico al centro-sud e un rinforzo dei venti sui settori tirrenici centro-meridionali. Domani il centro d’azione dell’elemento perturbato sarà posizionato sulle regioni meridionali e porterà ancora maltempo al sud e sulle regioni centrali adriatiche. Mercoledì ci sarà ancora dell’instabilità sulle regioni meridionali e centrali adriatiche.

PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI DI ATTUALITÀ CLICCA QUI !

PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI DI CULTURA CLICCA QUI!

PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI DI VIAGGI CLICCA QUI!