Home Attualità

LIBIA: conquistato il bunker di Gheddafi

CONDIVIDI

CADE ANCHE IL BUNKER MA GHEDDAFI NON SI TROVA – E’ caduto dopo quasi due giorni d’assedio il bunker Bab al-Aziziya, ultimo baluardo a Tripoli del potere di Gheddafi: l’oramai sempre più ex leader della Libia, che normalmente si rifugiava qui durante gli attacchi, non è però stato trovato.

Poco importa però al popolo libico che nelle strade già festeggia la liberazione: giubilo crescente si può infatti notare attorno alla nota statua del pugno dorato che stritola un caccia americano, dove la folla si è radunata per celebrare un giorno di portata storica.

I leader mondiali però mantengono la calma: durante un colloquio telefonico il presidente francese Nicolas Sarkozy ha espresso una moderata gioia al collega americano Barack Obama ed entrambi si sono trovati d’accordo nel non voler cantar vittoria fino a quando il leader libico Muammar Gheddafi «e il suo clan» non avranno deposto le armi.

Quest’ultimo intanto, proprio mentre il suo avamposto più significativo crollava, faceva risentire la sua voce, raggiunto al telefono dal presidente della Federazione internazionale di scacchi, il russo Kirsan Ilyumzhinovha: il contenuto della conversazione serviva a ribadire la sua presenza a Tripoli e la volontà di non cedere; così come l’intervento del figlio Saif al-Islam che addirittura sosteneva “Tripoli è sotto il nostro controllo, stiamo vincendo noi. Spezzeremo la schiena ai ribelli”.

Affermazioni che hanno però il suono amaro di chi si sente sconfitto piuttosto che quello di chi vuole rialzare la testa.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DI BENESSERE CLICCANDO QUI!

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DI VIAGGIO CLICCANDO QUI!

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DI CUCINA CLICCANDO QUI!