Home Attualità

OMICIDIO MELANIA REA: i genitori chiedono onestà

CONDIVIDI

IGENITORI DI MELANIA CHIEDONO A SALVATORE E ALLA SUA AMANTE DI SMETTERE DI MENTIRE – Gli accertamenti proseguono e, anche ora che la verità sembra sempre più vicina (o meglio, che i sospetti di sempre sembrano diventare tristemente corretti), c’è chi non si accontenta delle conclusioni a cui sono giunte le indagini ma vuole che il resoconto su come sono andate le cose esca dalla bocca di chi in quelle “cose” sembra sempre più coinvolto: ecco allora che i genitori di Melania Rea chiedono al cognato, Salvatore Parolisi, e alla sua amante di porre freno alle bugie e iniziare a dire la verità.

Gennaro Rea si è rivolto direttamente a Ludovica, attraverso i microfoni di Pomeriggio Cinque: “Vorrei sapere se ha il coraggio di dire che Valentina, l’amica di mia figlia, ha detto il falso riguardo le minacce telefoniche che Melania le aveva fatto. Io da padre sono molto rammaricato per questa signorina, e credo che tutto ruoti attorno al tradimento di Salvatore sfociato poi in questo orrendo omicidio“.

Meno rabbia e, forse, un po’ più di residua speranza, di voglia di credere ancora che l’uomo che ha sposato sua figlia non possa averla uccisa: questo il sentimento dietro le parole che la madre di Melania ha pronunciato nell’intervista rilasciata a “Il Messaggero“.  “La mia speranza è che non sia stato lui, ma se continua a mentire è come se la uccidesse comunque ogni volta. Mia figlia muore di nuovo sotto i colpi di ciascuna menzogna“: parole di una madre e una nonna che vuole giustizia per la figlia e una speranza per la nipote, che, orfana della madre, vede ora allontanarsi anche il padre.

Entrambi i genitori di Melania pensano ora soprattutto alla nipotina di appena 21 mesi, la cui tutela è una necessità prioritaria: ecco allora che il sospetto della colpevolezza di Salvatore viene messo da parte di fronte alla necessita di Vittoria di avere accanto a sè tutte le persone che la amano; casa Rea lascia così le porte aperte a tutta la famiglia Parolisi e Vittoria “quando vuole ha anche gli altri nonni, gli zii e chiunque di loro puo’ venire”.

Un intero universo ruota come si può vedere attorno a quelli che troppo spesso diventano per il pubblico casi mediatici dietro cui le persone sembrano scomparire: ricordarle gioverà forse anche alle indagini.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DI BENESSERE CLICCANDO QUI!

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DI VIAGGIO CLICCANDO QUI!

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI DI CUCINA CLICCANDO QUI!