Home Attualità

CASO BERLUSCONI: MARYSTHELL parla di SILVIO

CONDIVIDI

MARYSTHELL GARCIA POLANCO IN UN’INTERVISTA – Nonostante sia implicata nel caso Rubygate, che vede il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi indagato per prostituzione minorile, Marysthell spende solo buone parole per il premier.

In un’intervista rilasciata a Diva e Donna, spiega le sue ragioni, descrivendo Silvio Berlusconi come un benefattore per lei e per la sua piccola bimba di cinque anni: “Berlusconi per mia figlia (Maithé, di cinque anni) è come il padre che non ha mai conosciuto, l’unico uomo che si è interessato a lei. Il presidente la chiama ‘la mia nipotina’ e lei ‘Bullusconi’. Un giorno gli ho parlato dei suoi problemi di salute e lui la sera stessa mi ha fissato una visita al San Raffaele: le fatture sono state pagate da Spinelli. Era allergica ai gatti, ma non lo sapevo… Poi Berlusconi le ha anche trovato un posto all’asilo pubblico di Segrate; quando mi presentavo io dicevano che erano pieni. A Maithé il presidente fa sempre regali e l’ho portata anche ad Arcore. Prima abbiamo preso il tè, poi tutti insieme, con Berlusconi e il suo nipotino Alessandro abbiamo giocato in giardino, coi pony e siamo andati nella casa di Biancaneve, come la chiama lui: è un buco nel tronco di un albero. A Maithé è piaciuto tanto e ogni volta che il presidente la chiama, lei gli chiede quando può tornarci. Scherzando un giorno ho detto a Berlusconi: ‘Facciamo una bambina insieme’. E lui ha riso: ‘Mi piacerebbe una figlia mulatta“.

Marysthell ha partecipato alla Pupa e il Secchione e ad alcuni programmi di Teo Mammucari, ma il caso delle ragazze di via Olgiettina l’ha fatta conoscere al pubblico sotto un’altra veste.

PER SEGUIRE TUTTE LE NEWS SUL CASO BERLUSCONI CLICCA QUI!