Home Attualità

9 Febbraio: Eluana e Haiti

CONDIVIDI

Giornata degli stati vegetativi, ma anche quella della speranza

Vi chiederete cos’ha di tanto speciale il 9 febbraio. Innanzitutto è il giorno in cui è morta Eluana Englaro, o meglio, il giorno in cui si è deciso di staccare il sondino che la alimentava, tenendola in vita.

Questo giorno è stato scelto dal Governo come “Giornata degli stati vegetativi“, tra numerose polemiche e discussioni, perchè molti hanno asserito che sia solo una mossa dello Stato di accaparrarsi le simpatie della Chiesa, da secoli contro l’eutanasia.

L’altra notizia è che il 9 febbraio del 2010, dopo circa un mese dal terribile terremoto che ha colpito Haiti, è stata ritrovata viva una persona sotto le macerie. E le ricerche erano state interrotte il 23 gennaio.

Una giornata che invita alla riflessione quindi: a metà strada tra la vita e la morte, a metà strada tra la giustizia e l’ipocrisia di giustizia.

A metà strada tra chi non si arrende mai, e chi dà l’impressione di essersi arreso, ma non lo ha mai fatto.